Nuovo record del debito pubblico: 2.582 miliardi

Bankitalia: a settembre salito di 3,8 miliardi rispetto a agosto

Nuovo record del debito pubblico: 2.582 miliardi

È di nuovo record per il debito pubblico italiano. Secondo i dati diffusi dalla Banca d’Italia, a fine settembre il debito delle Amministrazioni pubbliche era pari a 2.582,6 miliardi, in aumento di 3,8 mld rispetto al mese precedente.

In particolare, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 4,4 mld, mentre quello delle Amministrazioni locali è sceso di 0,6 mld. Il debito degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente stabile.

Rispetto ad agosto, la vita media residua del debito è rimasta sostanzialmente stabile, risultando pari a 7,2 anni. Allo stesso tempo, la quota del debito detenuta da Bankitalia è aumentata di 0,4 punti percentuali (attestandosi al 20,5%).

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Debito pubblico record: 2.530 mld

Nuovo record del debito pubblico, che a fine giugno è salito a 2.530,6 miliardi, 20,5 mld in più rispetto a maggio a fronte di un fabbisogno del mese pari a 20,6 mld. Lo rende noto Bankitalia. A giugno, rispetto a un anno prima, le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono scese di 6,5 mld (-19,9%) fermandosi a 26,2 mld. La riduzione complessiva nei primi sei mesi del 2020 raggiunge i 19,4 mld (-10,3%). [continua ]

Finanza pubblica
Il debito pubblico galoppa: 2.507,6 mld

Il debito pubblico galoppa: 2.507,6 mld

Finanza pubblica

quoted business

Bankitalia: il paese resta vulnerabile per l'alto debito pubblico

"In Italia l'impatto sul costo medio dei titoli di Stato di un eventuale rialzo dei tassi di interesse sarebbe attenuato dalla loro lunga vita residua". È la tesi sostenuta nel rapporto sulla stabilità finanziaria della Banca d'Italia. Che, poi, spiega: "La robusta crescita a livello internazionale mitiga i rischi per la stabilità finanziaria, ma un inasprimento delle tensioni geopolitiche potrebbe ripercuotersi negativamente sui mercati". [continua ]

Finanza pubblica

Rai

Il debito pubblico sale a 2.447 mld

A ottobre il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato di 7,5 miliardi rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.446,8 miliardi. È quanto emerge dalla pubblicazione “Finanza pubblica, fabbisogno e debito” della Banca d’Italia. L’aumento è dovuto all’incremento delle disponibilità liquide del Tesoro (9,8 mld), che ha più che compensato l'avanzo di cassa delle Amministrazioni pubbliche (0,7 mld). [continua ]

Finanza pubblica
Bankitalia: “Cig e divieto hanno impedito 600 mila licenziamenti”

Bankitalia: “Cig e divieto hanno impedito 600 mila licenziamenti”. Il problema saranno i ‘cliff effects’

Jobs & Skills
Il debito pubblico scende, ma resta il terzo più alto al mondo

Il debito pubblico scende, ma resta il terzo più alto al mondo

Finanza pubblica

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com