Ecco quanti utili spostano nei paradisi fiscali le banche europee

Secondo una ricerca di Eu Tax Observatory i 36 maggiori istituti di credito europei dal 2014 producono (virtualmente) ogni anno in media 20 miliardi di euro di profitti nei Paesi a fiscalità agevolata

Ecco quanti utili spostano nei paradisi fiscali le banche europee

Quanto poggiano i propri affari nei paradisi fiscali le principali banche europee? Questa è la domanda che si sono posti i ricercatori dell’Eu Tax Observatory, un laboratorio di ricerca indipendente finanziato dall’Ecole d’economie di Parigi e dalla Commissione europea, in un inedito report nel quale analizza l’evoluzione dell’attività dei maggiori istituti di credito europei dal 2014 al 2020, da quando cioè sono disponibili i dati spacchettati per Paese.

La ricerca si è concentrata su 17 paesi intesi come paradisi fiscali: Bahamas, Bermuda, Isole Vergini britanniche, Isole Cayman, Guernsey, Gibilterra, Hong Kong, Irlanda, Isola di Man, Jersey, Kuwait, Lussemburgo, Macao, Malta, Mauritius, Panama e Qatar. Tra questi, l’aliquota fiscale più alta si trova in Lussemburgo (15%), mentre Bermuda, Panama, Isole Vergini britanniche e Isole Cayman hanno una fiscalità pari a zero.

Le banche europee sembrano dunque non voler rinunciare a un posticino in paradiso. Quello fiscale, si intende. L’evidenza empirica mostra che le 36 maggiori banche europee producono ogni anno in media 20 miliardi di euro di profitti proprio nei paradisi fiscali. O meglio, nei Paesi con fiscalità super-agevolata. La cifra equivale al 14% dei loro utili ed è generata da appena il 4% dei dipendenti degli istituti creditizi. E a godere delle aliquote fiscali più basse sono Barclays, Hsbc e NatWest Group (che fino allo scorso anno si chiamava Royal Bank of Scotland).

Il problema, dal punto di vista dell’elusione fiscale, non è pertanto collegato soltanto alle multinazionali Big Tech. Con l’aggravante che le banche europee, dopo la crisi del 2008, hanno ricevuto per essere salvate risorse finanziarie pubbliche pari alla bellezza di 1,5 trilioni di euro.

Come uscirne? Secondo l’Eu Tax Observatory, se i paesi si accordassero su una tassazione minima globale pari al 25%, anziché al 15% come stabilito lo scorso luglio, le 36 banche osservate si troverebbero a dover versare nelle casse statali dei Paesi europei circa 10-13 mld di tasse aggiuntive. Il montante scende a 6-9 mld con un’aliquota al 21% e a 3-5 mld con una tassazione al 15%. E il paese del Vecchio Continente a beneficiarne di più sarebbe il Regno Unito.

Cifre tutto sommato piuttosto modeste se si considera che, secondo Tax Justice Network, l’elusione fiscale vale a livello globale 427 mld l’anno.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’Italia perde 7 mld l’anno di tasse per colpa dei paradisi fiscali europei

L’Italia perde 7 mld l’anno di tasse per colpa dei paradisi fiscali europei

Finanza pubblica

‘Pandora Papers’, ecco i tesori nei paradisi fiscali di 35 capi di Stato e di governo. E migliaia di vip

Dodici milioni di documenti riservati smascherano le società offshore di politici europei e sudamericani, dittatori africani, ministri asiatici, sceicchi arabi, oligarchi russi, stelle dello sport e spettacolo, generali e big degli affari. L’inchiesta, coordinata dall’International Consortium of Investigative Journalists (che comprende 600 giornalisti e 150 testate) e svelata in Italia da L’Espresso, include i nomi di oltre 29 mila beneficiari. [continua ]

Finanza pubblica

La Cina potrebbe fare con il resto del mondo quello che la Russia sta facendo contro l’Europa

Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Eppure l’attività estrattiva in Cina è limitata. Come si spiega allora questo dominio? [continua ]

Energie & Risorse
Putin: “Il mondo unipolare è finito. L’Europa si è rovinata da sola”

Putin: “Il mondo unipolare è finito. L’Europa si è rovinata con le sue mani”

Global

Se l’Europa vuole azzerare l’economia russa, solo con l’embargo del gas può riuscirci

Se l’Europa è disposta a sostituire il gas russo con maggiore import di gas naturale liquefatto, ben più costoso, potrebbe minare gravemente la capacità della Russia di guadagnare valuta forte attraverso le esportazioni di gas con le quali Vladimir Putin finanzia anche la guerra in Ucraina. Ma questa scelta comporterebbe costi elevati e duraturi anche per l’Europa. [continua ]

Energie & Risorse
Dalle grandi banche 4.600 miliardi di dollari alle fossili in appena 6 anni

Dalle grandi banche 4.600 miliardi di dollari alle fossili in appena 6 anni

Planet

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com