Il deficit di bilancio degli Stati Uniti rischia di superare 1 trilione di dollari nel 2020

Si tratterebbe della cifra più alta dal 2012, secondo l’Ufficio del bilancio del Congresso Usa. Intanto la Fed lascia i tassi fermi tra l’1,5% e l’1,75%

Il deficit di bilancio rischia di superare 1 trilione di dollari nel 2020

Il deficit di bilancio Usa potrebbe sfondare la quota di un trilione di dollari. Questo perché gli Stati Uniti continuano a spendere più di quanto incassano, nonostante il positivo andamento del Pil (2,2% nel 2020).

Sarebbe la prima volta dal 2012, quando il paese stava ancora adottando misure di stimolo per far riprendere il paese dalla crisi del 2008.

Le prospettive future potrebbero rivelarsi ancora peggiori: secondo alcune stime il deficit rischia di raggiungere la cifra di 31 trilioni di dollari nel prossimo decennio.

Il deficit è aumentato sotto l'amministrazione Trump, che da candidato aveva promesso di eliminare il debito in otto anni. In realtà, il debito è aumentato da quando il presidente si è insediato alla Casa Bianca.

Intanto la Fed lascia invariati i tassi di interesse nella sua prima riunione dell’anno. Il costo del denaro negli Usa resta così fermo in una forchetta fra l'1,5% e l'1,75%. Nel 2019, invece, la Banca centrale statunitense ha tagliato i tassi tre volte, con riduzioni ogni volta da un quarto di punto, dopo i quattro rialzi adottati nel 2018.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com