Biden, più tasse ai ricchi per finanziare lo sviluppo

Il piano prevede un aumento delle tasse per le aziende, dal 21% al 28%, e di quelle sul reddito per chi guadagna oltre 400 mila dollari l’anno

Biden, più tasse ai ricchi per finanziare lo sviluppo

Dopo aver incassato il piano Covid da 1.900 miliardi, Joe Biden ora alza il tiro. Una delle prossime mosse sarà cancellare il taglio delle tasse di Donald Trump e aumentarle ai ricchi per finanziare la sua agenda, dalle infrastrutture al mercato del lavoro e alla lotta contro il cambiamento climatico.

Si tratterebbe del maggior incremento fiscale dal 1993. Qualcosa come 2.100 mld in dieci anni, secondo una analisi condotta dal Tax Policy Center, un think tank indipendente.

Il piano prevede un aumento delle tasse per le aziende, dal 21% al 28%, e di quelle sul reddito per chi guadagna oltre 400 mila dollari l’anno. Sarebbero estese le tasse immobiliari e salirebbero quelle sui capital gain per gli individui con un reddito di almeno un milione di dollari.

Per il presidente si tratta di una manovra necessaria non solo per finanziare gli altri capitoli di spesa della sua agenda ma anche per sanare l'iniquo trattamento tra lavoro e ricchezza, riequilibrando gli oneri a favore della working class.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com