Il governo Usa teme la fuga all’estero delle aziende dopo l’aumento delle tasse

Il segretario del Tesoro statunitense: “Serve tassa minima globale sulle società”. L’obiettivo per Janet Yellen è quello di evitare che le società si trasferiscano per motivi fiscali

Il governo teme la fuga all’estero delle aziende

Una tassa minima mondiale sulle società per evitare che si trasferiscano per motivi fiscali. È la proposta del segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen.

“Stiamo lavorando con i paesi del G20 per un accordo su una tassa minima globale che possa fermare la corsa al ribasso”, ha detto Yellen. Secondo il ministro dell’Economia la creazione di un’imposta minima globale aiuterà a portare stabilità e favorirà la concorrenza.

Una minimum tax globale sulle società potrebbe aiutare Joe Biden ad aumentare le entrate fiscali per finanziare il piano per le infrastrutture da 2.250 miliardi di dollari ed evitare una fuga all’estero delle aziende.

La Casa Bianca prevede infatti un inasprimento della pressione fiscale per le imprese negli Stati Uniti (dal 21 al 28%) per finanziare il piano per le infrastrutture, cancellando la riduzione delle tasse varata da Donald Trump. E imposte più alte negli Usa potrebbero spingere la aziende a trasferirsi in paesi con aliquote più basse. Da qui la proposta di Yellen.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com