Lo Stato di Washington tassa i ricchi per finanziare la scuola: “Prelievo sui guadagni di Borsa”

Imposta del 7% sulle vendite volontarie di azioni, obbligazioni e altri asset finanziari che rendano plusvalenze superiori a 250 mila dollari a individui e nuclei familiari

Washington tassa i ricchi per finanziare la scuola

Il Senato dello Stato di Washington ha approvato una nuova tassa sulle plusvalenze (‘capital gain tax’) derivanti dalla vendita di titoli azionari di alto profilo, obbligazioni e altri asset. Il provvedimento è stato inviato alla scrivania del governatore Jay Inslee per la firma e la successiva entrata in vigore.

La misura prevede una imposta del 7% sulle vendite volontarie di azioni, obbligazioni e altri asset finanziari che rendano plusvalenze superiori a 250 mila dollari a individui e nuclei familiari.

Saranno esentati dal balzello gli individui che vendano azioni dell’azienda che hanno guidato per almeno metà dei dieci anni precedenti, e che abbiano guadagnato un massimo di 10 milioni di dollari annui prima della vendita degli asset.

I proventi della tassa verranno destinati a finanziare il sistema scolastico dello Stato, in particolare l’istruzione pre-scolare e primaria.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com