Covid-19, Italia primo Paese al mondo per tasso di letalità

In Italia ogni 20 persone infette 1 persona muore. Al secondo posto la Cina seguita dalla Corea del Sud con lo 0,68%

Covid-19, primo Paese al mondo per tasso di letalità

Il bilancio delle vittime in Italia è aumentato notevolmente, raggiungendo il totale di 366 persone: i decessi si attestano al 4,96% su 7.375 casi confermati. Al secondo posto in termini di letalità, a livello mondiale, figura la Cina con il 3,83% (3.098 morti su 80.703 casi confermati), seguita al terzo posto dall’Iran (2,96%; 194 morti su 6.566 casi confermati). Il tasso di letalità più basso tra i Paesi più colpiti dal coronavirus è la Corea del Sud, dove ‘solo’ lo 0,68% (50 morti su 7.313 casi confermati) delle persone infette è deceduta. Secondo i calcoli dell’Organizzazione mondiale della sanità, il tasso di letalità globale per il coronavirus è circa il 3,4%.

Sebbene questa variazione tra i paesi possa sembrare preoccupante, il tasso dipende fortemente da quante persone sono testate per il virus. Test diffusi potrebbero significare un tasso di decessi inferiore perché la maggior parte dei casi di coronavirus – circa l’80% – è considerata lieve. Ma i casi testati e riportati per primi sono spesso quelli con i sintomi più gravi, dal momento che queste persone vanno in ospedale. Per questo motivo il dato degli Stati Uniti non è in questo articolo considerato.

Si precisa, inoltre, che il tasso di letalità di una malattia è diverso dal suo tasso di mortalità. Quest’ultimo è il numero di decessi rispetto al numero di persone in una popolazione a rischio. Il tasso di letalità riflette la probabilità che una determinata persona muoia se infetta.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com