Pesticidi, 8 mln di api morte in 4 giorni

Alcune associazioni di apicoltori depositano una denuncia presso la Procura della Repubblica

Pesticidi, 8 mln di api morte in 4 giorni

“Una strage causata dai pesticidi per cui sarebbero morte almeno 8 milioni di api”. Per questo, con le ipotesi di reato di inquinamento ambientale e danneggiamento, alcune associazioni di apicoltori hanno depositato una denuncia contro ignoti presso la Procura della Repubblica. A darne notizia Greenpeace Italia.

La denuncia, scattata lo scorso 30 ottobre si riferisce a una moria di api avvenuta ad agosto in Lombardia nel territorio tra i Comuni di Azzanello, Genivolta, Villachiara frazione di Villagana, e Borgo San Giacomo. Si tratta di comuni a cavallo del fiume Oglio, zona storicamente agricola dove si trovavano campi di mais e soia, destinati a diventare mangime per animali stipati in allevamenti intensivi. Un’apocalisse per questi impollinatori, che si è scatenata tra l’8 ed il 12 agosto con la morte di circa 8-9 milioni di api.

Greenpeace rivela poi che “i campioni prelevati dai veterinari evidenziano la presenza costante di due principi attivi: indoxacarb e chlorantraniliprole, sostanze usate per diverse formulazioni commerciali di insetticidi, utilizzati su mais e altre colture”.

“Fattori quali pesticidi e pratiche agricole dannose - ribadisce Federica Ferrario, responsabile agricoltura Greenpeace Italia - stanno contribuendo ad accelerare la scomparsa di api e insetti, i quali svolgono funzioni importanti negli ecosistemi”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com