21 indicatori e 1 misterioso algoritmo: “Le ragioni dietro alcune scelte cruciali sono ignote”

Come fa una regione a finire in zona rossa? “La definizione delle soglie dei 21 indicatori utilizzati per classificare le regioni italiane in gialle, arancioni e rosse, non è giustificata in modo alcuno, tantomeno è descritto il processo che le ha determinate”. A sostenerlo è l’Osservatorio sui conti pubblici dell’Università cattolica di Milano

21 indicatori e 1 algoritmo: “Le ragioni dietro alcune scelte sono ignote”

L’Osservatorio Cpi, in base alla documentazione ufficiale della Presidenza del Consiglio, del Ministero della Salute e dell’Iss, ha ricostruito come i celebri 21 indicatori sono utilizzati, attraverso il misterioso algoritmo, per classificare le regioni italiane in gialle, arancioni e rosse, dove i tre colori corrispondono alle tre diverse intensità delle restrizioni introdotte con il Dpcm 3 novembre 2020.

Questa ricostruzione è necessaria – spiega il Cpi – perché “il sistema adottato è complicato e la documentazione ufficiale è dispersiva e, in diversi passaggi, di non facile lettura”.

Sebbene il processo per stabilire il colore di una regione sia complesso, tre indicatori sono cruciali. Il primo è l’Rt (quante persone in media sono contagiate da una persona contagiata): se è sotto 1,25 una regione sarà automaticamente gialla a prescindere dagli altri indicatori, il che spiega perché anche regioni con situazioni ospedaliere in difficoltà e una crescita nel numero di contagiati (purché non troppo rapida, come accade se l’Rt è inferiore a 1,25) possano essere considerate gialle.

Inoltre, l’Rt ha un ruolo importante anche nella determinazione del “rischio”, ovvero dell’altro aspetto che concorre a determinare il colore di una regione. Gli altri due indicatori chiave sono l’occupazione dei posti letto in Area Medica e in Terapia Intensiva.

In base a quanto detto finora, sembrerebbe che l’assegnazione dei colori alle regioni sia un processo abbastanza “automatico” e basato sui dati. Tuttavia – avverte il Cpi – “le ragioni dietro alcune scelte cruciali sono ignote”. Inoltre, “la definizione delle soglie dei 21 indicatori non è giustificata in modo alcuno, tantomeno è descritto il processo che le ha determinate”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com