Rt scende a 1,18

La Basilicata ha l'indice di contagio più alto. Sardegna e Lazio il più basso. Locatelli: “Non fare gli errori dell'estate”. Misure confermate per sei regioni fino al 3 dicembre: Speranza firma l’ordinanza per Calabria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Valle d’Aosta

Rt scende a 1,18

L’indice di trasmissibilità Rt calcolato sui casi sintomatici è pari a 1,18. Si riscontrano valori medi di Rt tra 1 e 1,25 nella maggior parte delle Regioni/Province Autonome; in alcune è inferiore a 1. Lo evidenzia il monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute.

Questa settimana si osserva un ulteriore incremento dei casi che porta l’incidenza negli ultimi 14 giorni a 732,6 per 100 mila abitanti nel periodo dal 26 ottobre all’08 novembre (vs 648,3 del periodo precedente).

È la Basilicata la Regione con l’Rt più alto: 1,46. Seguono Abruzzo (1,32), Toscana (1,31) e Friuli Venezia Giulia (1,27). I valori più bassi si registrano in Sardegna (0,79) e Lazio (0,82), mentre tre Regioni (Friuli Venezia Giulia, Molise e Veneto) potrebbero progredire a rischio alto nel prossimo mese.

In media, tuttavia, “negli ultimi giorni il numero dei casi comincia ad appiattirsi e questo indica il rallentamento dell'incidenza”, ha detto il presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro .

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com