Cosa dice Draghi sullo stop all’economia dello sci a poche ore dalla riapertura?

Italia verso un lockdown duro per un mese. Crisanti: “Ora siamo nei guai”. “Ma (secondo Palù) se terremo a bada il virus nei prossimi due-tre mesi, forse usciremo dal raggio della sua minaccia”

Cosa dice Draghi sullo stop allo sci a poche ore dalla riapertura?

“Se terremo a bada il virus nei prossimi due-tre mesi, forse usciremo dal raggio della sua minaccia”. È quanto consiglia il professor Giorgio Palù, virologo, presidente dell’agenzia italiana del farmaco Aifa in un’intervista al Corriere della Sera. Quindi, osserva, la terza ondata “si può evitare” in quanto “siamo in una fase discendente della curva epidemica, anche se lenta. Non è il momento di distrazioni. Fino a che l’abbassamento dell’Rt non sarà significativo tutti noi siamo chiamati a rispettare le misure di protezione individuale ed evitare gli assembramenti”. E le riaperture? Palù distingue: “Mi dispiace dirlo, anche gli impianti sciistici potrebbero costituire un rischio” e “andrei cauto con la ripresa di scuole superiori e università. Sarebbe ideale poter spostare il calendario in avanti, quando il quadro sarà migliore”. 

Allora, come si esce dalla pandemia? Con un lockdown duro subito per evitare che la variante inglese diventi prevalente e per impedire che abbia effetti devastanti come in Inghilterra, Portogallo e Israele”. È l’opinione del professor Andrea Crisanti, virologo, contenuta in un’intervista a La Stampa, nella quale sostiene che “il 20% dei contagiati presenta la variante inglese e la percentuale è destinata ad aumentare”, quindi a suo avviso “bisognava fare il lockdown a dicembre, prevenendo tutto questo, mentre ora siamo nei guai”. Quindi, niente sci, ristoranti aperti e mobilità tra regioni: “Va chiuso tutto e occorre lanciare un programma nazionale di monitoraggio delle varianti” e “dove si trovano le varianti brasiliana e sudafricana – spiega Crisanti – servono lockdown stile Codogno, non le zone rosse che sono troppo morbide”.

Intanto piovono valanghe di critiche sul ministro della Salute Roberto Speranza per aver comunicato a poche ore dalla riapertura lo stop alle stazioni sciistiche, che nel frattempo si erano preparate (investendo ingenti somme) ad accogliere i turisti. Ma come sostengono i virologi la situazione è molto seria e occorre considerare che il nuovo governo ha giurato solo sabato scorso (sebbene il ministro della Salute non sia stato sostituito). A questo punto, ci vorrebbe un intervento di Draghi. Ma l’uomo delle poche parole lo farà? O lascerà cadere tutto sulle spalle di Speranza? È possibile credere che i due non abbiano concordato insieme la discussa decisione last minute di prorogare lo stop?

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Rai

Crisanti: “Lockdown a Natale? Credo sia nell’ordine delle cose”

“Un lockdown a Natale è nell’ordine delle cose”: ne è convinto il virologo dell’Università di Padova, Andrea Crisanti, che mette in guardia sui rischi della nuova fase dell’epidemia di Covid. “Via via che i casi sono aumentati - ha detto a RaiNews24 - la capacità di contact tracing e fare tamponi diminuisce e si entra in un circolo vizioso che fa aumentare la trasmissione del virus”. [continua ]

Life

Agi

Zangrillo: “Gli italiani sono stati terrorizzati abbastanza”. Crisanti: “Qualcosa non sta funzionando”

“L’ultimo paziente entrato nella terapia intensiva del San Raffaele - spiega Alberto Zangrillo, primario del San Raffaele di Milano - risale al 18 aprile e l’ultimo positivo al virus ricoverato in reparto ordinario, con una sintomatologia semplice, è di dieci giorni fa. Il Covid c’è ancora, non è mutato ma l’interazione virus-ospite non dà più la malattia. Gli italiani sono già stati terrorizzati abbastanza. E soprattutto disinformati”. [continua ]

Life
Da febbraio a marzo 25.354 morti in più rispetto al 2019

Da febbraio a marzo 25.354 morti in più rispetto agli anni precedenti. Ma ‘solo’ il 54% è attribuito al Covid-19

Life

Il Covid-19 può danneggiare i polmoni anche in maniera silenziosa (nei contagiati asintomatici)

Persone sane, ma con la polmonite. Un’altra sorpresa amara del coronavirus è che nei contagiati asintomatici può danneggiare i polmoni anche in maniera silenziosa. Secondo le stime dell'Istituto Superiore di Sanità, i positivi senza disturbi sono circa il 30% del totale. E osservazioni casuali, ma ormai numerose, dimostrano che gli asintomatici possono anche essere ignari di avere il virus, ma i loro polmoni no. [continua ]

Life
Covid-19, trovate tracce nelle acque di scarico di Roma e Milano

Covid-19, trovate tracce nelle acque di scarico di Roma e Milano

Life
Covid-19: un anziano colpito a gennaio. Il “paziente 1” prima di Mattia

quoted business

Covid-19: un anziano colpito a gennaio in una clinica di Piacenza. Il “paziente 1” prima di Mattia

Life

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com