Addio al “Zeus dell’economia”

Il canadese Robert Mundell, premio Nobel per l'economia, è morto “nella sua amata Italia”. Era un’amalgama di genio teorico, lucidità algebrica e soprattutto geometrica, sensibilità culturale e influenza pratica incommensurabile

Addio al “Zeus dell’economia”
Robert Mundell

Il premio Nobel per l'Economia Robert Mundell, 88 anni, è morto “nella sua amata Italia”. Così lo ricorda e insieme ne rende nota la scomparsa Brian Domitrovic su Forbes. L’economista canadese aveva scelto l'Italia alla fine degli anni ‘70, le colline senesi come suo rifugio.

Mundell era “un’impossibile amalgama di genio teorico, lucidità algebrica e soprattutto geometrica, sensibilità culturale e influenza pratica incommensurabile - scrive Domitrovic che lo definisce lo Zeus dell’economia -. Nel 1999 il riconoscimento per 'le sue analisi della politica monetaria e fiscale nell'ambito di diversi regimi di tasso di cambio e la sua analisi delle zone ottimali di cambio.”

Il suo pensiero ha dato un contributo fondamentale alla nascita dell’Euro ma la sua tesi pratica era che le condizioni ottimali per una fusione delle valute in Europa non esistevano. In quelle discussioni dunque veniva annoverato tra gli ‘euroscettici’.

Docente di economia alla Columbia University di New York, Mundell ha iniziato i suoi studi al Massachusetts Institute of Tecnology, dove ha conseguito il dottorato di ricerca nel 1956, per poi passare alla London School of Economics.

Oltre alla carriera accademica, nel 1961 Mundell è entrato nello staff del Fondo Monetario Internazionale. Nella sua carriera, il nuovo premio Nobel ha lavorato anche per le Nazioni Unite, la Banca Mondiale, la Commissione Europea, la Federal Reserve, il dipartimento al Tesoro Usa, il governo canadese e molti altri Stati europei e sudamericani.

Autore di numerosi testi sulle teorie economiche internazionali, Mundell ha preparato uno dei primi studi per la moneta unica europea ed è tuttora considerato il padre della teoria delle aree monetarie ottimali.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com