2020, fuga da New York

La città in crisi perde trecentomila famiglie. E il turismo non tornerà ai livelli pre-Covid prima del 2025

2020, fuga da New York
New York

Sono già trecentomila le famiglie che hanno lasciato la metropoli. La “fuga da New York” non è un mito inventato da Donald Trump. Il dato più attendibile sull’esodo dei residenti viene da una fonte ufficiale: le Poste, che registrano i cambi di residenza per consegnare la corrispondenza. È in questo modo che si è arrivati alla cifra di 300 mila nuclei familiari.

Emergenza Covid, criminalità in aumento e servizi non più all’altezza dei costi abitativi. È un esodo interclassista: i flussi in uscita includono i ricchi e i ceti mediobassi che si spostano verso il New Jersey dove tutto è meno caro.

Allo stesso tempo, a causa della pandemia, una ripresa completa del turismo nella città di New York potrebbe arrivare solo nel 2025. È lo scenario che emerge da un rapporto di NYC&Company, l’Ente che si occupa della promozione turistica della Grande Mela.

Un dato poco confortante per una città tra le destinazioni più popolari al mondo. Il settore del turismo, infatti, è uno dei pilastri fondamentali dell’economia newyorkese: con oltre 66 milioni e mezzo di presenza nel 2019 ha generato introiti per 70 miliardi di dollari e creato 400 mila posti di lavoro. Attualmente, le presenze turistiche sono calate del 66% rispetto all’anno scorso.

Il risultato? New York si trova ora con un tasso di disoccupazione che supera il 14%, oltre il doppio della media nazionale.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com