Il Giappone verso la fine dell’emergenza

In sei prefetture verrà rimosso lo stato di emergenza imposto lo scorso 7 febbraio, grazie al miglioramento dei parametri

Verso la fine dell’emergenza

Verrà rimosso lo stato di emergenza imposto lo scorso 7 febbraio, grazie al miglioramento dei parametri sulla diffusione del coronavirus in Giappone. I dati recenti, infatti, dimostrano che Osaka, Kyoto, Hyogo, Aichi, Gifu e Fukuoka hanno registrato una discesa significativa dei contagi, e un miglioramento della disponibilità dei posti letto nelle strutture ospedaliere per i pazienti di Covid.

Le sei prefetture, in ogni caso, continueranno a richiedere ai ristoranti, bar e karaoke di anticipare la chiusura serale dei locali mentre verrà coordinata gradualmente la riapertura di altre attività in linea con le aspettative del governo di stimolare l’economia, pesantemente colpita dallo stallo dei consumi e l’assenza dei turisti stranieri.

Per le altre quattro prefetture dove tuttora è in vigore lo stato di emergenza, Tokyo, Chiba, Kanagawa e Saitama, le autorità locali attenderanno ulteriori segnali di miglioramento, in particolare dal numero dei ricoveri delle persone anziane con gravi sintomi, che rimangono ancora alti nella capitale.

Dall’inizio della pandemia a Tokyo (la capitale nipponica conta 14 milioni di abitanti) sono state registrate 111.676 positività, il numero più alto di tutte le 47 prefetture del paese. La media giornaliera è tuttavia rimasta sotto quota 500 nelle ultime tre settimane.

A livello nazionale il totale dei casi di coronavirus nella terza economia al mondo si assesta a 432.720 con 7.897 morti accertate, a fronte di una popolazione complessiva pari a 127 mln di abitanti.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com