Le banche sono di nuovo sotto stress. La Bce invia una lettera sui crediti deteriorati

Le banche sono di nuovo sotto stress. Ma stavolta non è colpa di nuovi test. Bensì di una lettera inviata dalla Banca Centrale Europea. Secondo il Sole24Ore, nel mirino della Bce non c’è soltanto il Monte dei Paschi di Siena, che ha ricevuto la missiva da Francoforte il 5 dicembre scorso ma la notizia è stata rivelata dalla banca soltanto il 14 gennaio, giorno in cui ha bruciato sui mercati in un giorno circa 10 punti.

Tutti gli istituti di credito italiani sono stati invitati a una graduale ma integrale riduzione delle sofferenze entro il 2026. Se le banche, che hanno tutte sofferto in Borsa, dovessero azzerare i crediti deteriorati entro il 2026 il conto sarebbe salato: secondo Mediobanca circa 15 miliardi di euro.

Fonte

Articoli correlati

La Bce “commissaria” Carige

La Bce “commissaria” Carige. Titolo sospeso in Borsa

Moneta & Mercati
Bce, rischi elevati per l’Italia se lo spread dovesse aumentare ancora

Bce, rischi elevati per l’Italia se lo spread dovesse aumentare ancora

Moneta & Mercati
Frase del giorno - Parole

Non commento dichiarazioni di questo o quel ministro, ma una cosa è chiara: l'indipendenza dei banchieri centrali va rispettata, è parte del funzionamento delle democrazie liberali.

Moneta & Mercati

L'economia si "raffredda". L’inflazione continua a scendere: 0,9% a gennaio

L'inflazione rallenta ancora: a gennaio l'indice si ferma allo 0,9%, dall'1,1% di dicembre. Lo rileva l'Istat. Il tasso risulta così in frenata per il secondo mese consecutivo, attestandosi sotto la soglia dell'1%. È il valore più basso dall'aprile del 2018. Sempre a gennaio rallenta anche la crescita dei prezzi per il “carrello della spesa” (che include i beni alimentari, per la cura della casa e della persona). L'indice scende allo 0,5%, dallo 0,7% registrato l'ultimo mese dello scorso anno. [continua ]

Moneta & Mercati
La Bce di fronte a un dilemma

La Bce di fronte a un dilemma

Moneta & Mercati

quoted business

Una corsa a 4 per il dopo Draghi alla Bce: tre francesi e un finlandese

Il mandato di Mario Draghi scade quest’anno, ma la nomina del prossimo presidente della Bce appare ancora aperta. La rosa dei potenziali candidati è ampia: sarà un supertecnico (Benoît Cœuré)? Un ottimo tecnico e politico ma di profilo non altissimo (Erkki Liikanen)? Un tecnico ex-banchiere che si intende di politica (François Villeroy de Galhau)? Una figura internazionale donna ma non tecnico (Christine Lagarde)? [continua ]

Ue
Moneta & Mercati

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com