Berna attiva la misura di protezione anti-Ue

Il governo svizzero si è mosso dopo il mancato rinnovo dell’equivalenza borsistica da parte della Commissione europea

Berna attiva la misura di protezione anti-Ue

Il Dipartimento federale delle finanze ha attivato la misura di protezione dell’infrastruttura delle borse svizzere. La decisione è dovuta al mancato rinnovo, a oggi, dell’equivalenza delle borse da parte della Commissione europea.

Berna ha così inserito l'Unione europea nell'elenco delle giurisdizioni che pongono restrizioni al commercio di azioni di società con sede nel paese elvetico. Dal primo di luglio agli operatori dell'Ue è quindi vietato negoziare azioni sul mercato azionario elvetico. Oggi circa un terzo delle azioni svizzere sono negoziate all'estero, la maggior parte delle quali nello spazio europeo. Ciò non sarà più consentito in futuro.

Nel presentare queste misure lo scorso novembre, il governo aveva sottolineato che non si tratta di una misura di ritorsione. Il peso della Svizzera è infatti limitato: le azioni elvetiche costituiscono appena il 3% del volume degli scambi nell'Ue, e il 2,5% è appannaggio della sola Gran Bretagna.

Fonte

Articoli correlati

Roma chiede conto a Berna: "Fuori i nomi dei correntisti italiani in Ubs"

RSI

Roma chiede il conto a Berna: "Fuori i nomi dei correntisti italiani in Ubs"

Moneta & Mercati
Addio al “segreto bancario”

Svizzera, addio al “segreto bancario”

Moneta & Mercati
È già il tasso di interesse più basso al mondo. Ma potrebbe scendere ancora

È già il tasso di interesse più basso al mondo. Ma potrebbe scendere ancora

Moneta & Mercati

Credit Suisse, utile primo trimestre a 655 mln di euro

Credit Suisse mette a segno un utile sopra le attese nel primo trimestre a 749 milioni di franchi (circa 655 milioni di euro) a fronte di stime pari a 717,2 milioni. Lo scatto in avanti è stato determinato dal ritorno al profitto della divisione trading, dopo essere stata in perdita per sei mesi. Nel periodo gennaio-marzo i ricavi sono inoltre ammontati a 5,39 miliardi di franchi, mentre gli accantonamenti per perdite sui crediti sono stati pari a 81 milioni. [continua ]

Moneta & Mercati

Credit Suisse, arrestati tre ex dirigenti per lo scandalo in Mozambico

Dopo lo scandalo che ha travolto Goldman Sachs in Malesia, un'altra importante banca finisce nel mirino. Tre ex dirigenti del Credit Suisse sono finiti in carcere, giovedì 3 gennaio a Londra, per uno scandalo che ha coinvolto alcune imprese pubbliche in Mozambico. Il trio è stato poi rilasciato su cauzione, ma gli Usa stanno cercando di estradarli. Agli arresti anche un uomo d'affari libanese, fermato a New York, e l'ex-ministro delle Finanze mozambicano, Manuel Chang. [continua ]

Moneta & Mercati
Fine del segreto bancario. Ora è obbligatorio comunicare i dati

Fine del segreto bancario in Svizzera. Ora è obbligatorio comunicare i dati fiscali

Moneta & Mercati

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com