Intesa conquista Ubi con il pieno di adesioni. Oltre il 90%

Terminata l’offerta pubblica di acquisto e scambio che è arrivata al 90,21%

Intesa conquista Ubi con il pieno di adesioni. Oltre il 90%

Intesa Sanpaolo conquista Ubi Banca al termine dell'offerta pubblica di acquisto e scambio che supera il 90% delle adesioni. Negli ultimi due giorni è salita del 20%.

“Oggi portiamo a termine un'operazione che ci vede tutti vincitori - ha detto il Ceo di Intesa Sanpaolo Carlo Messina - grazie alla decisione del 90,2% degli azionisti di UBI Banca di entrare a far parte di Intesa Sanpaolo. Daremo vita a una nuova realtà in grado di rafforzare il sistema finanziario italiano e di ricoprire un ruolo di leader nello scenario bancario europeo”.

Spianata così la strada per il piano di Intesa, che prevede, per soddisfare le richieste dell'Antitrust, di cedere oltre 500 sportelli a Bper e di creare un gruppo da 5 miliardi di utile al 2022. Il che si tradurrà nel 7° gruppo bancario europeo.

Articoli correlati

Intesa conquista Ubi (e valuta l’acquisizione di Rcs)

quoted business

Intesa conquista Ubi (e valuta l’acquisizione di Rcs). Nasce il 7° gruppo bancario europeo

Moneta & Mercati
Intesa Sanpaolo lancia un’opa per Ubi Banca

Intesa Sanpaolo lancia un’opa per Ubi Banca

Moneta & Mercati
Nuova era: chi deposita deve anche pagare la banca. Inizia la Svizzera

Nuova era in Europa: chi deposita deve anche pagare la banca. Inizia la Svizzera

Moneta & Mercati

Per la prima volta in Europa le rinnovabili superano i combustibili fossili. Ma…

Nella prima metà del 2020 le energie rinnovabili hanno generato il 40% dell’elettricità dell’UE27, sorpassando per la prima volta i combustibili fossili che si fermano al 34%. Lo rileva un nuovo rapporto del think tank sul clima Ember. Il settore eolico e quello solare hanno visto quest’anno quote di mercato senza precedenti, generando il 21% dell’elettricità totale europea e raggiungendo livelli ancora più elevati in Danimarca (64%), Irlanda (49%) e Germania (42%). [continua ]

Energie & Risorse

Auto, in Europa c’è solo un Paese che segna un valore positivo: è la Francia

Le vendite di auto in Europa (Ue + Efta + Regno Unito) sono ancora in diminuzione a giugno. Lo rilevano i dati dell’Associazione dei costruttori europei (Acea). Le immatricolazioni in ambito europeo scendono del 24,1% rispetto allo stesso mese del 2019 a 1.131.843 di unità. Nei primi sei mesi dell’anno la riduzione è stata pari al 39,5%. In Italia il calo (a giugno) tocca il 23,1% a 132.457 unità e nei primi 6 mesi il 46,1%. [continua ]

Mobilità
Intesa-Ubi: la parola ai soci

Agi

Intesa-Ubi: la parola ai soci

Ue
Moneta & Mercati

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com