La Federal Reserve mantiene i tassi di interesse invariati. A dicembre il prossimo aumento

La Fed mantiene i tassi invariati. Prossimo aumento a dicembre
Federal Reserve

I risultati delle elezioni di midterm, nonostante i democratici abbiano conquistato la Camera, non modificheranno la politica monetaria. L'economia continua a crescere e la Federal Reserve – che nella riunione dell’8 novembre ha deciso di lasciare i tassi di interesse invariati tra il 2%e il 2,25% - ha chiarito che prevede di continuare ad aumentarli gradualmente fino al prossimo anno.

Ma occorre precisare che la Banca centrale aveva segnalato in anticipo che non avrebbe ritoccato i tassi prima di dicembre. Infatti, l'economia americana resta in buona salute: il Pil del terzo trimestre ha segnato un consistente +3,5% su base annuale e il tasso di disoccupazione è sceso ad ottobre al 3,7%.

La Fed sta attualmente alzando il tasso di interesse di un quarto di punto percentuale ogni tre mesi. A questo ritmo, il tasso raggiungerà circa il 3% entro la metà dell'anno prossimo. Ovvero il livello che la Fed considera neutrale, nel senso che non stimolerebbe né scoraggerebbe l'attività economica.

All’interno della Banca centrale ci sono, tuttavia, voci discordanti. Alcuni vedono all’orizzonte rilevanti rischi inflattivi (e che quindi è necessario incrementare i tassi più rapidamente), altri pensano il contrario, ovvero che si sta procedendo troppo rapidamente al rialzo proprio ora che i salari stanno cominciando a salire, concedendo qualche beneficio reale ai lavoratori.

A rompere questo delicato equilibrio dentro la Fed ci ha pensato, ripetutamente, Trump che ha descritto la Banca come "pazza", "scatenata" e "fuori controllo". La preoccupazione del presidente statunitense è che tassi più alti rallenteranno la crescita economica. Ma il Congresso non ha la stessa idea. Persino i membri repubblicani difendono l'indipendenza della Fed.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com