Unicredit, sanzione Usa da 800 mln per chiudere il caso Iran

Unicredit, sanzione Usa da 800 mln per chiudere il caso Iran

Sta per arrivare una stangata su una importante banca italiana. Unicredit rischia di dover versare poco più di 800 milioni di euro alle autorità Usa per chiudere la vicenda in merito ai presunti servizi offerti ai clienti in Iran che avrebbero violato le strette normative Usa anti-riciclaggio.

Al centro della disputa c'è la controllata tedesca, Hypovereinsbank, citata nel marzo 2011 alla corte newyorkese per aver intrapreso affari con società iraniane che ricadevano sotto le sanzioni americane.

L’anticipazione è fornita da Bloomberg. Secondo l’agenzia americana, un’intesa di queste proporzioni (che dovrebbe essere conclusa nelle prossime settimane) sarebbe una delle ammende più salate registrate in merito alla violazione delle leggi americane. Soltanto ad altri quattro istituti di credito sono stati comminati importi più alti: SocGen, Commerzbank, Hsbc e Bnp Paribas.

Intanto, tra il 2012 e il 2018, le banche europee hanno pagato circa 16 miliardi di dollari di sanzioni legate al tema dell'antiriciclaggio, della violazione delle sanzioni e per mancati controlli, si legge in un report di Moody’s. E in 3 casi su 4 sono stati aperti dagli Stati Uniti.

Un’altra indiscrezione, riportata dal Financial Times, riguarda Unicredit: l'istituto di credito italiano starebbe preparando un'offerta per il controllo di Commerzbank viste le difficoltà che sembrano emergere dal piano di fusione con la prima banca tedesca (Deutsche Bank). 

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com