La Fed lascia i tassi invariati. Resteranno a zero fino al 2022

Powell: “C’è grande incertezza sul futuro. Il crollo del Pil nel secondo trimestre sarà il peggiore di sempre”

La Fed lascia i tassi invariati. Resteranno a zero fino al 2022
Jerome Powell

I tassi di interesse statunitensi resteranno fermi fino a tutto il 2022. La Fed assicura il suo sostegno all’economia Usa sconvolta dalla pandemia di coronavirus e assicura che “resta impegnata a usare tutti gli strumenti a sua disposizione per tutto il tempo che sarà necessario”.

Al termine del direttivo che ha votato all’unanimità la decisione di lasciare invariati i tassi tra lo 0 e lo 0,25%, il presidente della Banca centrale Usa, Jerome Powell, non manca di evidenziare la sua preoccupazione. “C’è grande incertezza sul futuro”, ammette. E il crollo del Pil nel II trimestre sarà il “peggiore di sempre”.

Il Pil scenderà del 6,5% quest’anno per poi rimbalzare del 5% nel 2021 e del 3,5% nel 2022. Il tasso di disoccupazione salirà al 9,3% nel 2020, per poi scendere al 6,5% nel 2021 e ancora al 5,5% nel 2022. L’inflazione è invece vista attestarsi allo 0,8% quest'anno, all’1,6% il prossimo e all’1,7% nel 2022.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com