La Fed cambia strategia

Restano invariati i tassi, ma gli acquisti di titoli di Stato e di titoli delle agenzie garantite dallo Stato non hanno più un valore tecnico ma dureranno fino a quando non saranno realizzati ulteriori progressi su inflazione e occupazione

La Fed cambia strategia
Jerome Powell

Politica invariata per la Fed. Cambiano però, e in modo significativo, le condizioni che ne determinano la durata. La Federal reserve ha mantenuto fermi i tassi di interesse allo 0-0,25% e ha affermato che continuerà ad aumentare gli acquisti di titoli di Stato a un ritmo di 80 miliardi al mese e di titoli delle agenzie garantite dallo Stato a un ritmo di 40 miliardi, “fino a quando - e questa è la vera novità - non saranno stati realizzati notevoli ulteriori progressi verso gli obiettivi della massima occupazione e della stabilità dei prezzi”.

Finora, gli acquisti erano realizzati per garantire un “funzionamento senza intoppi del mercato e per assicurare condizioni finanziarie” appropriate, che ora appaiono come obiettivi secondari. Gli acquisti di titoli passano quindi da uno strumento puramente tecnico, varato per assicurare la corretta trasmissione all’economia reale delle decisioni della Fed, a uno strumento pieno di politica monetaria. La conseguenza concreta è che gli acquisti di titoli potranno ora durare più a lungo.

Ferme anche le proiezioni sui tassi di interesse, che dovrebbero restare invariati fino a tutto il 2022. Solo per il 2023 alcuni, pochi, componenti del comitato immaginano - come a settembre, del resto - un rialzo del costo della liquidità, anche se la mediana delle singole previsioni non cambia e resta ferma allo 0-0,125%. Confermate anche le indicazioni per il lungo periodo: il tasso di equilibrio mediano è sempre il 2,5%.

Cambiano invece le proiezioni sui principali indicatori macroeconomici, in leggero miglioramento. Il pil è previsto in calo del -2,4% quest’anno (dal -3,7% di settembre), e in rialzo del 4,2% nel 2021 (4%), del 3,2% nel 2022 (3%) e del 2,4% (2,5%) nel 2023. Il tasso di disoccupazione potrebbe fermarsi al 6,7% quest’anno (7,6% a settembre), al 5% nel 2021 (5,5%) al 4,2% nel 2022 (4,6%) e al 3,7% nel 2023 (4%). L’inflazione dovrebbe invece convergere in modo marginalmente più rapido all’obiettivo: dall’1,2% passerà all’1,8%, all’1,9% e al 2% nei prossimi tre anni.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com