Sta tornando lo spettro dell’inflazione? O l’economia è in reflazione?

Il governatore della Federal Reserve Jerome Powell: “La dinamica dei prezzi al consumo è ancora debole e non costituisce una minaccia. L’economia è molto lontana dai nostri obiettivi su occupazione e inflazione ed è probabile che ci vorrà del tempo per ulteriori progressi sostanziali”

Sta tornando lo spettro dell’inflazione? O l’economia è in reflazione?
Jerome Powell

L’outlook economico degli Usa è “ancora altamente incerto” e le pressioni inflazionistiche non sono “una minaccia”, ha assicurato il governatore della Federal Reserve.

“Dopo i notevoli cali in primavera - aggiunge Jerome Powell - i prezzi hanno parzialmente avuto un rimbalzo nel resto dell’anno. Per alcuni settori particolarmente colpiti dalla pandemia, però, i prezzi rimangono particolarmente deboli. Nel complesso, su base anno su anno, l’inflazione rimane sotto il nostro obiettivo del 2% sul lungo periodo”.

La Fed, lo scorso anno, ha rivisto il suo approccio verso l’inflazione, che potrà superare il 2% per un periodo di tempo senza che siano adottate strette monetarie.

Powell ha evidenziato che servirà ancora tempo perché anche il mercato del lavoro, altro parametro che la Fed guarda per orientare le sue politiche, sia completamente ristabilito dalla pandemia: “L’economia è molto lontana dai nostri obiettivi su occupazione e inflazione ed è probabile che ci vorrà del tempo per ulteriori progressi sostanziali”.

Intanto segnali di ripresa dei prezzi arrivano anche dall’Eurozona. Il tasso di inflazione annuo si è attestato allo 0,9% a gennaio 2021, rispetto al -0,3% di dicembre.

Dunque, dopo una lunga ‘attesa’ da parte di molte banche centrali, il livello dei prezzi al consumo comincia a muoversi verso l’alto. Ma il vero rischio è che l’inflazione torni a salire troppo o siamo prossimi alla reflazione? Lo scenario definito da quest’ultimo termine, ovvero quello di una moderata nuova inflazione successiva alla deflazione innescata dalla iniezione di una maggior quantità di moneta, e che si accompagna solitamente a una ripresa economica, appare al momento quello più probabile.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com