Riciclaggio e corruzione, la banca olandese Ing condannata a pagare un'ammenda da 675 mln di euro

Riciclaggio e corruzione, ammenda da 675 mln di euro per Ing

Il gruppo finanziario olandese Ing ha accettato di pagare un’ammenda da 675 milioni di euro alle autorità olandesi che indagavano, dallo scorso anno, per attività criminali fra cui riciclaggio e corruzione. È quanto ha spiegato il gruppo in una nota.

Nonostante le banche siano obbligate per legge a segnalare transazioni sospette, l’amministratore delegato di Ing, Ralph Hamers, ha riconosciuto "la piena responsabilità della banca" per non avere soddisfatto i "più alti requisiti" di prevenzione del crimine nelle attività fra il 2010 e il 2016.

Il gruppo ha anche annunciato di aver intrapreso misure contro alcuni alti dirigenti, fra le quali la sospensione e il ritiro dei bonus.

Uno dei casi più eclatanti è quello della società di telecomunicazioni VimpelCom che ha pagato milioni di euro in tangenti alla figlia del presidente dell'Uzbekistan tramite la banca dei Paesi Bassi.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com