L'Algeria è in crisi. E la Banca centrale si illude di risolvere il problema stampando moneta

La strategia seguita dal Governo è pericolosa e sta facendo precipitare il paese africano verso l’abisso

La Banca centrale si illude di tamponare la crisi stampando moneta

L’Algeria, troppo dipendente dagli idrocarburi, è sull’orlo di una crisi. Il crollo del prezzo del greggio osservato tra il 2014 e il 2017 ha drasticamente ridotto le entrate fiscali dello Stato. L’economia del paese nordafricano ha urgente bisogno di diversificarsi.

Il simbolo di un paese che appare ingessato è il suo presidente: Abdelaziz Bouteflika, 81 anni, mira ad ottenere l’investitura per il quinto mandato nelle elezioni del prossimo mese di aprile. La sua eventuale rielezione non è mal vista dalla maggior parte della popolazione perché il ricordo della guerra civile durata dieci anni (1992-2002) è ancora vivo.

Il Governo ha ridotto la spesa pubblica e sta favorendo l’adozione di una politica monetaria spericolatamente espansiva, che alimenta l'inflazione e consente soltanto di guadagnare tempo senza affrontare i reali problemi. La Banca centrale algerina ha stampato circa 3,5 miliardi di dollari lo scorso 30 settembre. Nel corso del 2018 sono stati immessi nell’economia quasi 34 mld. Un’entità enorme, che corrisponde al 19% del Pil. L'obiettivo dell’esecutivo sarebbe di colmare in tal modo il deficit di bilancio, stimato al 6,9% del Pil dalla Banca mondiale.

Il paese sta inoltre affrontando il peggioramento del suo debito interno, che è passato dal 20,6% del Pil nel 2016 a quasi il 40% quest'anno. Il premier Ahmed Ouyahia rifiuta di ricorrere all'indebitamento esterno e considera la stampa di nuova moneta come l'unico modo per evitare la bancarotta. Ma per molti economisti algerini è, invece, una via utile solo a rinviare le riforme strutturali.

Socialista fino all'inizio degli anni '90, l'economia algerina resta caratterizzata da un forte intervento statale. E un unico volano: il petrolio. Che pero’ non è più l’energia del futuro. Intanto le prospettive per l’Algeria e la sua giovane popolazione (gli under-30 sono il 55% del totale) appaiono sempre più cupe.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’Algeria e il gioco delle tre carte: fornisce più gas all’Italia, ma taglia quello consegnato alla Spagna

Ora l’Italia dipende meno da Mosca e più da Algeri, passando tuttavia da una dittatura ad un’altra. In compenso l’Italia può candidarsi a diventare l’hub europeo del gas proveniente dal nordafrica. Ma a quale prezzo geopolitico ed economico? [continua ]

Strategie & Regole
Crisi energetica, il Kosovo vieta il ‘mining’ di criptovalute

Crisi energetica, il Kosovo vieta il ‘mining’ di criptovalute

Moneta & Mercati
Gas, l’Algeria alza il prezzo delle forniture all’Europa. Un bel guaio

Gas, l’Algeria alza il prezzo delle forniture all’Europa. Un bel guaio per il Vecchio continente

Energie & Risorse
Frase del giorno - Numeri

Nei primi cinque mesi dell’anno, grazie alla vendita di petrolio e gas naturale, sono entrati nelle casse algerine 21,5 miliardi di dollari, più 70% rispetto al 2021.

Energie & Risorse

Tra le prime 10 economie al mondo solo 2 non hanno ancora recuperato i livelli di Pil del 2008 (prima della crisi globale scatenata dal fallimento di Lehman Brothers)

Mentre in molti si sono prima esaltati per la forte ripresa (in termini percentuali) delle economie di mezzo mondo dopo la fase acuta del Covid e poi depressi analizzando l’impatto globale dell’invasione russa dell’Ucraina, in pochi ricordano che alcuni paesi non si sono ancora ripresi dalla crisi del 2008. Il che ci fornisce una lezione da non sottovalutare [continua ]

Economia

Brunetta: “La crisi non c’è. È solo psicologica. No al salario minimo. Tornare alla scala mobile è una stupidaggine”

Il ministro della Pubblica amministrazione: “Nel primo trimestre abbiamo avuto +0,1%, vuol dire 2,6% per tutto l’anno se non ci saranno negatività negli altri trimestri”. [continua ]

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com