L'Algeria è in crisi. E la Banca centrale si illude di risolvere il problema stampando moneta

La strategia seguita dal Governo è pericolosa e sta facendo precipitare il paese africano verso l’abisso

La Banca centrale si illude di tamponare la crisi stampando moneta

L’Algeria, troppo dipendente dagli idrocarburi, è sull’orlo di una crisi. Il crollo del prezzo del greggio osservato tra il 2014 e il 2017 ha drasticamente ridotto le entrate fiscali dello Stato. L’economia del paese nordafricano ha urgente bisogno di diversificarsi.

Il simbolo di un paese che appare ingessato è il suo presidente: Abdelaziz Bouteflika, 81 anni, mira ad ottenere l’investitura per il quinto mandato nelle elezioni del prossimo mese di aprile. La sua eventuale rielezione non è mal vista dalla maggior parte della popolazione perché il ricordo della guerra civile durata dieci anni (1992-2002) è ancora vivo.

Il Governo ha ridotto la spesa pubblica e sta favorendo l’adozione di una politica monetaria spericolatamente espansiva, che alimenta l'inflazione e consente soltanto di guadagnare tempo senza affrontare i reali problemi. La Banca centrale algerina ha stampato circa 3,5 miliardi di dollari lo scorso 30 settembre. Nel corso del 2018 sono stati immessi nell’economia quasi 34 mld. Un’entità enorme, che corrisponde al 19% del Pil. L'obiettivo dell’esecutivo sarebbe di colmare in tal modo il deficit di bilancio, stimato al 6,9% del Pil dalla Banca mondiale.

Il paese sta inoltre affrontando il peggioramento del suo debito interno, che è passato dal 20,6% del Pil nel 2016 a quasi il 40% quest'anno. Il premier Ahmed Ouyahia rifiuta di ricorrere all'indebitamento esterno e considera la stampa di nuova moneta come l'unico modo per evitare la bancarotta. Ma per molti economisti algerini è, invece, una via utile solo a rinviare le riforme strutturali.

Socialista fino all'inizio degli anni '90, l'economia algerina resta caratterizzata da un forte intervento statale. E un unico volano: il petrolio. Che pero’ non è più l’energia del futuro. Intanto le prospettive per l’Algeria e la sua giovane popolazione (gli under-30 sono il 55% del totale) appaiono sempre più cupe.

Fonte

Articoli correlati

Bouteflika rinuncia alla candidatura e rinvia le elezioni

Algeria, Bouteflika rinuncia alla candidatura e rinvia le elezioni

Strategie & Regole

quoted business

Algeria, si è dimesso il presidente Bouteflika

Abdelaziz Bouteflika si è dimesso e rinuncia al quinto mandato. Non è chiaro quanto di questa decisione sia stata presa dal presidente in persona o quanto, piuttosto, sia frutto di un accordo del suo entourage. Ma il fatto è comunque avvenuto poco prima che le manifestazioni degenerassero. Le sue dimissioni, tuttavia, potrebbero incidere poco sulla situazione del Paese: arrivano a poche settimane dalla scadenza naturale (28 aprile) e non sciolgono i nodi legati a una difficile transizione. [continua ]

Strategie & Regole

Algeria, Bouteflika getta la spugna. Ma le proteste continuano

Il presidente algerino Abdelaziz Bouteflika si dimetterà prima della scadenza del suo mandato, il 28 aprile. Lo ha annunciato lo stesso presidente in un comunicato citato dall'agenzia ufficiale algerina Aps. Il capo dello Stato prenderà tutte le "misure necessarie per assicurare il funzionamento delle istituzioni durante la transizione", si legge nel comunicato. [continua ]

Strategie & Regole
Si infiamma il paese africano più esteso

L'Algeria si infiamma

Strategie & Regole
Arriva il Bce-Coin. Eviterà le crisi e sostituirà il Bitcoin, già morente

Arriva il Bce-Coin. Eviterà le crisi finanziarie. E sostituirà il Bitcoin, già morente

Moneta & Mercati
Lehman 2, cosa fanno oggi i protagonisti della crisi del 2008?

Lehman Brothers 2, cosa fanno oggi i protagonisti della crisi del 2008?

Moneta & Mercati

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com