Putin e Juncker hanno qualcosa in comune. Mosca flirta con l’euro?

Putin e Juncker hanno qualcosa in comune. Mosca flirta con l’euro?

L'Ue e la Russia hanno forti legami bilaterali: Mosca è il quarto partner commerciale di Bruxelles, mentre l'Unione è il primo per la Federazione. Anche se gli scambi sono diminuiti dal 2014, in seguito alle sanzioni imposte alla Russia dall’Ue per il conflitto in Ucraina, il commercio tra i due paesi si attesta ancora a 230 miliardi di euro l'anno. E Mosca rimane il principale fornitore di gas naturale e petrolio per Bruxelles.

Al contempo, Vladimir Putin sta tentando da qualche mese la via della de-dollarizzazione. L’idea diffusa a Mosca è che non è accettabile l’uso del dollaro da parte di Donald Trump come fosse un’arma da puntare contro i nemici di turno. E per questo la Russia starebbe pensando di sostituire la valuta Usa con l’euro come moneta di riferimento nelle transazioni con i paesi dell’Ue.

Ma l’idea si scontra con alcuni aspetti pratici, non di poco conto. La stragrande maggioranza degli scambi di petrolio è ancora denominata in dollari. Inoltre, la liquidità cumulata di euro e rublo è bassa. Il dollaro rappresenta l'87% di tutte le transazioni in valuta estera a livello globale, mentre il ruolo dell'euro nei mercati valutari continua a diminuire dall'inizio della crisi del debito sovrano nell'area dell'euro nel 2010: la quota di mercato è scesa al 31% ad aprile 2016. Inoltre, la liquidità in rubli è diminuita drasticamente da quando le sanzioni sono entrate in vigore. Ciò significa che i costi aumenterebbero a causa dell'introduzione del rischio valutario nei contratti commerciali. Fino al paradosso che una società o una banca potrebbe decidere di coprire il maggior rischio derivante dall'esposizione in euro o in rubli rispetto ai benchmark petroliferi quotati in dollari.

Tuttavia, nonostante le difficoltà, il passaggio all'euro negli scambi con l’Ue rappresenta l'opportunità più realistica per la Russia verso la de-dollarizzazione. Le autorità russe stanno prendendo in considerazione anche altre opzioni. Putin sta negoziando con i principali partner commerciali l’utilizzo delle valute nazionali negli scambi. Ma non si scorgono all’orizzonte soluzioni rapide. Ad esempio con la Cina soltanto l'8% delle transazioni è in renminbi, il 22% in rubli e quasi il 70% in dollari.

Putin sembra comunque voler fare sul serio, come dimostra la riduzione drastica dell’esposizione di Mosca rispetto ai titoli del debito pubblico di Washington, scesa attualmente a soli 15 miliardi di dollari. E può ora puntare su un alleato inaspettato. "È assurdo che l'Ue paghi l'80% dei dazi sull'energia importata - 300 miliardi di euro l'anno - in dollari statunitensi quando solo il 2% dell'energia proviene dagli Stati Uniti", ha detto il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com