Atalanta, il 55% passa a una cordata guidata da Pagliuca per 400 mln

Il mondo nel pallone. L’uomo forte del gruppo che si è accordato con Percassi è il co-proprietario dei Boston Celtics

Atalanta, il 55% passa a una cordata guidata da Pagliuca per 400 mln

L’Atalanta ha ufficializzato “la sottoscrizione di un accordo di partnership tra la famiglia Percassi e un gruppo di investitori capitanati dal businessman Stephen Pagliuca, Managing Partner e co-owner dei Boston Celtics, oltre che co-chairman di Bain Capital, uno dei principali fondi di investimento al mondo”. Il gruppo entra in società acquisendo per una cifra superiore ai 400 milioni il 55% de La Dea Srl, la sub-holding della famiglia Percassi detentrice di circa l’86% del capitale sociale dell’Atalanta. I Percassi rimangono il principale singolo azionista, mentre Stephen Pagliuca è il nuovo co-chairman del Club.

“Un’opportunità colta per far crescere la squadra scegliendo di rimanere legati al Club”. Così Antonio Percassi, presidente dell’Atalanta, ha commentato l’operazione. “In oltre dieci anni abbiamo portato la società a risultati che forse nessuno si sarebbe aspettato da una squadra di provincia - si legge nel comunicato congiunto pubblicato sul sito web nerazzurro -. L’Atalanta, nelle cui file militavo negli anni ‘60, è nel mio cuore così come è nel cuore di migliaia di tifosi che la supportano. Ci attendono grandi sfide e la mia convinzione è che la partnership con investitori di così alto profilo non potrà che accelerare il nostro percorso di crescita.”

A sua volta, Pagliuca ha commentato l’accordo: “Siamo estremamente felici di entrare in partnership con la famiglia Percassi e di essere di supporto per il futuro sviluppo del club. L’Atalanta e i Boston Celtics condividono gli stessi valori sportivi: spirito di squadra ed un legame unico con le proprie tifoserie e comunità - chiude -. Riteniamo che la famiglia Percassi abbia costruito basi solidissime su cui lavorare insieme per un rafforzamento globale del marchio, con l’obiettivo di favorire una ulteriore diversificazione e crescita dei ricavi, permettendo al club di diventare sempre più competitivo su scala italiana e internazionale.”

Assieme ad altri partner, Pagliuca agisce a titolo personale e non attraverso il fondo Bain che gestisce un patrimonio di 155 miliardi di dollari. Lo fa, quindi, con le finanze accumulate nella sua attività nel settore del private equity. Nato a New York, 67 anni, è un appassionato di basket. Ricopre il ruolo di managing partner e membro del comitato esecutivo dei Celtics, di cui è anche co-proprietario. Bloomberg: su iniziativa italiana Ue discute esclusione settore energetico da sanzioni contro Russia

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’anti-Nato araba, tra business e Siria
quoted business

L’anti-Nato araba, tra business e Siria

Strategie & Regole
Business e geopolitica. Parigi richiama gli ambasciatori da Usa e Australia

Business e geopolitica. Parigi richiama gli ambasciatori da Washington e Canberra

Global
Olimpiadi per nazione. Ai primi posti: Usa, Canada, Russia, Cina e Svizzera
quoted business

Olimpiadi, atleti per nazione. Ai primi 5 posti: Usa, Canada, Russia, Cina e Svizzera

Sport

Calcio e cripto-finanza

I fan token possono essere considerati una mossa geniale per raccogliere fondi senza dover dare in cambio né interessi, né dividendi e né tantomeno garantire il rimborso del capitale. Questo fenomeno legato al settore calcistico e sportivo potrebbe estendersi a dismisura. La prospettiva è tuttavia alquanto inquietante in quanto renderebbe lo sport, lo spettacolo, il cinema sempre più legati a logiche di profitto, sempre più dipendenti dalle scelte della massa e sempre meno legati al talento individuale o all’espressione artistica. [continua ]

Sport

1/3 dell’economia globale in recessione nel 2023. E l’Fmi boccia il price cap sui beni energetici

Il Fondo monetario internazionale rivede al ribasso per la terza volta la stima sul Pil 2022. Pandemia, inflazione, tassi e guerra bruciano 4mila miliardi di dollari di crescita potenziale, ovvero il Pil della Germania. L’Fmi stronca il price cap: “Sappiamo che il controllo dei prezzi per un lungo periodo di tempo non è conveniente e neppure efficace”. [continua ]

Economia
Il potere di Mosca va ben oltre il gas

Il potere di Mosca va ben oltre il gas. E ora la Russia può contare su un alleato chiave per l'economia globale

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com