Il virus VW del diesel-gate ha infettato anche Audi, che ammette irregolarità sulle emissioni

La casa automobilistica ha ammesso di aver riscontrato irregolarità nei controlli sulle emissioni di alcuni modelli. Ora annuncia che punta a vendere 800 mila auto completamente elettriche entro il 2025

Il virus VW del diesel-gate ha infettato anche Audi

Oggi la dichiarazione sulle buone intenzioni. Audi punta a vendere 800 mila auto completamente elettriche entro il 2025. L'obiettivo è diventare il primo player della mobilità elettrica tra i produttori di alta qualità. Questo ha dichiarato il ceo di Audi, Rupert Stadler.

Irregolarità: l’ad ammette

Ieri, invece, il mea culpa. La dichiarazione di Stadler giunge un po' tardiva e soprattutto poco dopo l’ammissione di aver riscontrato irregolarità nei controlli sulle emissioni di alcuni modelli. Anche il big delle auto di lusso è inciampato sull’ostacolo lasciato sulla strada da Volkswagen con il diesel-gate.

Modelli A6 e A7

Il mea culpa della casa automobilistica è arrivato dopo che il ministero dei trasporti tedesco ha reso noto che sta indagando su un nuovo dispositivo – si sospetta illegale - installato dal costruttore sui modelli A6 e A7.

Escamotage

Secondo il settimanale tedesco Spiegel, le auto sono state dotate di un software che ha deliberatamente rallentato il consumo di uno speciale liquido antinquinamento per evitare che i conducenti dovessero raboccarlo.

Danni per l’ambiente

Quello che doveva passare per un favore al cliente si trasforma in un grave danno all’ambiente, visto che l’escamotage riduce l’efficacia del liquido nel neutralizzare gli ossidi di azoto, rendendo le auto diesel ancor più inquinanti.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com