Automotive, in Germania fino al 48% di posti lavoro in meno entro il 2040

L’impatto sull’occupazione della rivoluzione sulla mobilità. Analisi shock del ministero dell’Economia tedesco sul settore automobilistico nella locomotiva d’Europa

Automotive, fino al 48% di posti lavoro in meno entro il 2040

La trasformazione della mobilità potrebbe creare una vera rivoluzione nel sistema produttivo dell’automotive in Germania, con una perdita di posti di lavoro compresa fra il 39 e il 48% entro il 2040. Lo sostiene lo studio ‘Automobile Wertschoepfung 2030/2050’ realizzato prima della pandemia dal ministero federale dell’Economia e da quello dell’ambiente, in collaborazione alcuni istituti di ricerca.

Oltre che nelle fabbriche - nelle quali già entro 10 anni si potrebbero registrare cali dell’occupazione compresi tra il 20 e il 24%, pari a circa 640 mila posti di lavoro - anche i diversi ambiti dell’assistenza, del post vendita e delle riparazioni potrebbero soffrire per la diffusione dei modelli elettrici e semi-autonomi. Questo comparto dei servizi automotive potrebbe calare, secondo lo studio, dai circa 180.000 occupati attuali a poco meno di 130 mila entro il 2030 e a 110 mila entro il 2040, solo nel caso che si verifichi uno scenario di riferimento definito ‘relativamente mite’. Nello scenario più estremo, con forte diffusione dei modelli a guida autonoma, nel 2040 potrebbero rimanere solo 90 mila posti di lavoro, la metà di quelli odierni.

Lo studio identifica tre ragioni principali per le perdite di posti di lavoro nel commercio e nel mercato post-vendita: minori esigenze di riparazione e minori costi di riparazione per le auto elettriche, inferiori tassi di incidenti per veicoli autonomi e un minor numero di mezzi in circolazione.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com