Caucaso, una bomba pronta a esplodere: cosa c’è dietro lo scontro fra Armenia e Azerbaijan

Redaelli: “Ma la religione in quest’area non c’entra nulla”. Il ruolo di Russia, Turchia, Iran e Stati Uniti

Caucaso: cosa c’è dietro lo scontro fra Armenia e Azerbaijan

“La ripresa del conflitto fra Armenia e Azerbaijan, per l’incancrenita questione del Nagorno-Karabacach, è un frutto avvelenato – e ve ne sono tanti nel Caucaso Centrale – lasciato dalla politica staliniana di creare confini assurdi fra le allora repubbliche socialiste sovietiche per aizzare le tensioni e rendere fondamentale il ruolo di mediatore del partito comunista.” A sostenerlo è Riccardo Redaelli, docente di Geopolitica, facoltà di Scienze politiche e sociali, Università Cattolica di Milano.

All’indomani dell’implosione dell’Unione Sovietica, negli anni ‘90, i due Paesi combatterono a lungo. Poi una lunga stasi. Ora l’Armenia cristiana e l’Azerbaijan sciita tornano a combattersi per questa enclave, a causa di un deliberato attacco militare azero su vasta scala.

“Ma non si cada in errore – avverte Redaelli -. Qui la religione non c’entra nulla. In primis vi è la volontà azera di riprendersi i territori che gli sono stati strappati dall’Armenia; nonostante Baku abbia più soldati e molti più soldi per comprare nuove armi, sul campo gli armeni hanno quasi sempre avuto la meglio”. Ma “soprattutto vi è l’esigenza del presidente-autocrate azero Ilam Aliev, a capo di un sistema nepotista e corrotto, di fomentare il nazionalismo e il senso di emergenza per distogliere dai problemi interni.”

Vi è poi il piano delle competizioni regionali, con la Turchia ormai impegnata in ogni scenario di crisi mediorientale: dalla Siria alla Libia e ora anche in Caucaso. “Il sostegno turco a Baku è massiccio, dalla copertura aerea alle forniture tecnologiche fino alle voci dell’invio dei miliziani jihadisti – aggiunge Redaelli -. L’Armenia può contare su una benevolenza russa (che ha interesse a tenere lo status quo), sul tradizionale appoggio diplomatico francese e sull’aiuto dell’Iran.

Quest’ultimo è un paese musulmano sciita come sono gli Azeri, tuttavia Teheran teme che il rafforzamento dell’Azerbaijan produca tensioni con la propria forte minoranza azera interna.

Un risiko che rende particolarmente instabile l’area intorno al Caucaso. E che produce frutti avvelenati. Oltre a evidenziare l’apparente disinteresse degli Stati Uniti.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Caucaso in fiamme. Guerra tra Armenia e Azerbaigian

Caucaso in fiamme. Guerra tra Armenia e Azerbaigian

Global

Gli Stati Uniti hanno già speso 8,2 miliardi di dollari per rifornire di armi l’Ucraina

La guerra che nessuno sembra voler far finire. Il repubblicano e veterano Mike Waltz di ritorno dall’Ucraina: “Zelensky sente come se stesse perdendo lentamente, come se l’amministrazione Biden lo stesse di fatto aiutando a giocare per il pareggio”. [continua ]

Global
“La classe dominante occidentale ci sta portando verso la Guerra Mondiale”

“La classe dominante occidentale ci sta portando verso la Terza Guerra Mondiale”

Global

Usa ed Ue spingono per far restare Draghi in sella

La Casa Bianca interviene sulla crisi italiana: “Biden ha un grande rispetto per Draghi”. Il vicepresidente della commissione Ue, Frans Timmermans: “Il premier italiano è un partner autorevole nel contesto europeo e internazionale. Il suo contributo in questo difficile momento storico è importante per l’Italia e l’Ue”. La presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola: “Abbiamo bisogno di stabilità politica in Europa”. [continua ]

Global
La strategia a geometria variabile di Pechino verso Mosca
quoted business

La strategia a geometria variabile di Pechino con la Russia

Global
quoted business

Cina: “Gli Usa smettano di creare conflitti e farsi nemici. La Nato è una sfida sistemica alla pace e alla stabilità mondiali”. Usa: “Possibile che Mosca usi armi nucleari”. Russia: “Risponderemo se la Nato schiera truppe in Svezia e Finlandia”

Usa-Russia-Cina: il quadro si complica? [continua ]

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com