Isis: “Lo Stato islamico prenderà Roma”

Minacce al ministro degli Esteri Luigi Di Maio

Isis: “Lo Stato islamico prenderà Roma”

Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, esprime pieno sostegno e profonda solidarietà al Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. “La conferenza anti Daesh da lui presieduta è stata un successo. Il Governo resta impegnato nel contrasto al terrorismo”.

Ma cosa è accaduto? Secondo quanto riporta Repubblica, sui canali digitali di propaganda jihadista è apparso un lungo testo di al-Naba, la rivista ufficiale dell’Isis in cui viene preso di mira il discorso pronunciato da Di Maio al vertice anti-Daesh organizzato nei giorni scorsi a Roma da Italia e Stati Uniti. Nel testo si ripete che “lo Stato islamico prenderà Roma”.

“Non saranno le minacce a fermare l’azione dell’Italia nella lotta al terrorismo. E lo stiamo dimostrando con i fatti”. Lo scrive il ministro degli Esteri Lugi Di Maio, commentando le notizie sulle minacce dell’Isis contro la città di Roma e nei suoi confronti.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Di Maio: “Lunedì firmeremo un patto per l’export da 1 mld”

Di Maio: “Lunedì firmeremo un patto per l’export da 1 mld”

Global

Poste acquisisce il 51% della cinese Sengi

Per la prima volta una società estera entrerà a far parte del gruppo Poste Italiane contribuendo ai risultati consolidati di gruppo. Si rafforza così la partnership nel mercato dell’e-commerce tra Italia e Cina attraverso un accordo quadro vincolante con Cloud Seven Holding, che prevede l’acquisizione del 51% del capitale votante di Sengi Express (al 100% di Cloud Seven Holding, con sede a Hong Kong). [continua ]

Corporate

Il petrolio dell’Isis nelle raffinerie sarde

Il petrolio partiva dal Medioriente, attraversava i territori devastati dal jihad dell’Isis, solcava il Mar Mediterraneo e approdava sulle coste di Sarroch, dove si trova la Saras: la raffineria tra le più grandi d’Europa. Per l’acquisto di petrolio non commercializzabile (perché non venduto attraverso i canali regolari visto che c’era una guerra in corso), venivano sborsate centinaia di milioni di euro per comprare altrettante tonnellate di greggio a prezzi di saldo. [continua ]

Energie & Risorse
Ecco perché gli Usa hanno ancora così tanto potere in Europa

quoted business

Ecco perché gli Usa hanno ancora così tanto potere in Europa

Global
Per l’export italiano la Cina è il primo mercato di sbocco

Ice

Per l’export italiano la Cina è il primo mercato di sbocco

Global
L’ultima trasferta negli Usa di Merkel. Biden: “Amici con divergenze”

quoted business

L’ultima (difficile) trasferta negli Stati Uniti di Merkel. Biden: “Amici con divergenze”

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com