Sachs: “Il grande errore degli Usa è credere che la Nato sconfiggerà la Russia”

Gli errori dell’Occidente nei rapporti con la Russia post-sovietica hanno contribuito ad aprire la strada al nazionalismo revanscista di Putin? L’economista: “Usa e Australia si stanno strappando i capelli per un patto di sicurezza tra la Cina e le Isole Salomone, che è visto come una terribile minaccia alla sicurezza dall’Occidente. Come si deve sentire allora la Russia riguardo all’allargamento della Nato all’Ucraina?”

Sachs: “Il grande errore degli Usa è credere che la Nato batterà la Russia”
Jeffrey Sachs

“Accanto alle sanzioni abbiamo bisogno di una via diplomatica. Negoziare la pace è possibile, sulla base dell’indipendenza dell’Ucraina ed escludendo che aderisca alla Nato”. È l’opinione di Jeffrey Sachs, direttore dello Earth Institute della Columbia University dal 2002 al 2016. Fu anche consigliere economico del Cremlino fra il 1990 e il 1993, uno dei fautori della “shock therapy” che mise in ginocchio il paese.

Secondo Sachs, “il grande errore statunitense è credere che la Nato sconfiggerà la Russia: tipica arroganza e miopia americana. È difficile capire cosa significhi ‘sconfiggere la Russia’, dato che Vladimir Putin controlla migliaia di testate nucleari. I politici americani hanno un desiderio di morte? Conosco bene il mio paese. I leader sono pronti a combattere fino all’ultimo ucraino. Sarebbe molto meglio fare la pace che distruggere l’Ucraina in nome della ‘sconfitta’ di Putin”.

“Non intendo scagionare Putin – chiarisce l’economista statunitense -. Voglio sottolineare che bisogna fare la pace, ammettendo che siamo nel pieno di una guerra per procura tra due potenze espansioniste: la Russia e gli Stati Uniti. La Russia ha iniziato questa guerra, certo, ma in buona parte perché ha visto gli Stati Uniti entrare in modo irreversibile in Ucraina. Nel 2021, mentre Putin chiedeva agli Stati Uniti di negoziare l’allargamento della Nato all’Ucraina, Biden ha raddoppiato la scommessa diplomatica e militare”.

Il presidente statunitense – aggiunge - “non solo ha rifiutato di discutere con Mosca l’allargamento della Nato, ma ha fatto sì che l’impegno della Nato in questo senso fosse rinnovato al vertice del 2021, e poi ha firmato due accordi con l’Ucraina sul tema. Gli Stati Uniti hanno anche continuato le esercitazioni militari e le spedizioni di armi su larga scala. Tra l’altro è interessante vedere come gli Stati Uniti e l’Australia si stiano strappando i capelli per un patto di sicurezza tra la Cina e le piccole Isole Salomone, a 3.000 chilometri dall’Australia. Questo accordo viene visto come una terribile minaccia alla sicurezza dall’Occidente. Come si deve sentire allora la Russia riguardo all’allargamento della Nato all’Ucraina?”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La strategia a geometria variabile di Pechino verso Mosca
quoted business

La strategia a geometria variabile di Pechino con la Russia

Global
quoted business

Cina: “Gli Usa smettano di creare conflitti e farsi nemici. La Nato è una sfida sistemica alla pace e alla stabilità mondiali”. Usa: “Possibile che Mosca usi armi nucleari”. Russia: “Risponderemo se la Nato schiera truppe in Svezia e Finlandia”

Usa-Russia-Cina: il quadro si complica? [continua ]

Global
Dalla Turchia via libera all’ingresso di Finlandia e Svezia nella Nato

Dalla Turchia via libera all’ingresso di Finlandia e Svezia. La Nato si allarga

Global

Dopo l’Ue, anche il G7 rinvia all’autunno l’idea di Draghi sul gas

Il rinvio a settembre/ottobre della decisione in merito alla fissazione di un tetto massimo al prezzo del gas potrebbe essere tardivo e forse inutile. Mentre sull’oro blu si vedrà, il G7 ha dato l’ok a quello sul petrolio. Ma anche se si decidesse di bloccare il prezzo del gas chi pagherebbe la differenza rispetto al prezzo di mercato: i governi nazionali o l’Ue? [continua ]

Global
quoted business

Il G7 conta ancora?

Le sette economie (Usa, Giappone, Germania, Regno Unito, Italia, Canada, Francia) producevano nel 1990 il 66% del Pil globale, oggi il 46%. Il peso dei 7 sul commercio mondiale è passato dal 52% al 30%, mentre la popolazione dal 12% al 10%. L’unica possibilità per non essere fagocitati da altri paesi, a cominciare da Cina e India, è trasformarsi da soggetti esclusivi a inclusivi, abbracciando relazioni con nuovi paesi emergenti. [continua ]

Global
Nuove rotte marittime nasceranno dallo scioglimento dell’Artico

Nuove rotte marittime nasceranno dallo scioglimento dell’Artico. Per la Russia non è buona notizia

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com