Erdogan è un despota. Ma l’Ue, oltre a pagare Turchia e Libia, cosa fa?

La gestione dei migranti da parte dell’Ue avrebbe bisogno di una profonda autocritica. Abbiamo pensato di risolvere il problema pagando Turchia e Libia. Ma ora i nodi vengono al pettine: Erdogan ricatta Bruxelles (vuole altri soldi) e la situazione in Libia è sempre più sull’orlo del collasso

Erdogan è un despota. Oltre a pagare Turchia e Libia, l’Ue cosa fa?
Recep Tayyip Erdogan

Erdogan ha deciso di ricattare l’Ue aprendo le frontiere e provocando l’ennesima crisi umanitaria. Questa è la Turchia di un despota con cui l’Europa fa accordi.

La catastrofe umanitaria che si sta consumando in Grecia è iniziata con la decisione del presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, di aprire le frontiere ai migranti, liberi ora di penetrare in Turchia dalla Siria, e di fuggire a Nord verso Bulgaria e Grecia. Per impedire l’entrata, i Paesi di destinazione hanno rafforzato le pattuglie. E la Guardia Costiera ellenica si è resa protagonista di episodi agghiaccianti contro i profughi che via mare cercavano di raggiungere qualche isola greca.

Intanto la politica ha fatto un passo, anzi un passetto. Ursula von der Leyen, David Sassoli e Charles Michel (a capo delle tre principali istituzioni europee) sono stati alla frontiera terrestre tra Grecia e Turchia con il premier greco Kyriakos Mitsotakis. Ma è stata una passerella inutile. Anche perché a pensarci bene, il problema non è soltanto Erdogan. La gestione dei migranti da parte dell’Ue avrebbe bisogno di una profonda autocritica. Abbiamo pensato di risolvere il problema pagando la Turchia e la Libia affinché si tenessero, in condizioni disumane, i migranti.

Intanto oltre 130 mila migranti premono sul confine turco-greco, la Grecia e l’Ue accusano Ankara: “La Turchia in piena violazione dell’accordo con l’Ue ha incoraggiato decine di migliaia di migranti e profughi a entrare in Grecia. Ha fallito – ha detto il premier greco, Kyriakos Mitsotakis -. Quello attuale non è più un problema di profughi, è un chiaro tentativo da parte della Turchia di usare disperati per promuovere la sua agenda geopolitica e per distogliere l’attenzione dall’orribile situazione in Siria. Le decine di migliaia di persone che hanno cercato di entrare in Grecia nei giorni scorsi non venivano da Idlib”.

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com