Taiwan vieta le importazioni di suini italiani: è la contromisura dopo lo stop ai voli

Taiwan ha imposto il divieto di importazione di suini vivi e prodotti a base di carne di maiale dall’Italia a seguito alla sospensione dei voli tra i due Paesi decisa da Roma sullo sfondo dello scoppio dell’epidemia di coronavirus

Dopo lo stop ai voli, Taiwan vieta l'import di suini italiani

L’Italia aveva sospeso tutti i collegamenti aerei con Taiwan, la Cina, Hong Kong e Macao lo scorso 31 gennaio come misura precauzionale per evitare la diffusione del coronavirus.

Ora arriva la contromisura: “Cancellazione del riconoscimento dell’Italia come Paese libero dalla peste suina africana”, si afferma in un comunicato pubblicato dal ‘Bureau of Animal and Plant Health Inspection and Quarantine’ di Taiwan.

Il divieto di volo da parte di Roma non è stato preso bene a Taipei, che ha convocato il rappresentante dell'Italia Davide Giglio per sollecitare una rapida ripresa dei collegamenti aerei.

Anche Pechino non ha gradito lo stop ai voli delle autorità italiane ed ha esercitato pressioni per ottenere la revoca, ma finora i tentativi cinesi non hanno avuto un esito positivo.

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com