L'incubo di Berlino: "Evitare a ogni costo i dazi Usa sulle auto"

Per scongiurare questo scenario, potenzialmente catastrofico per la prima economia europea, Berlino sarebbe disponibile a portare a "zero" i reciproci dazi tra Ue e Stati Uniti

L'incubo di Berlino: "Evitare a ogni costo i dazi Usa sulle auto"

L'Unione europea sarebbe pronta a ritirare i dazi sui principali prodotti "Made in Usa". A sostenerlo non è una fonte di Bruxelles, bensì il ministro dell'Economia tedesco Peter Altmaier in un'intervista rilasciata alla testata "Die Welt". Il timore della Germania è costituito dalla possibilità che la Casa Bianca attui davvero le minacciate tariffe sulle auto europee.

Per scongiurare questo scenario - che potrebbe rivelarsi catastrofico per la prima economia europea che sull'automotive è fondata - Berlino sarebbe disponibile a portare a "zero" i reciproci dazi tra Ue e Stati Uniti.

Altmeier ha poi avvertito che una guerra tariffaria tra i due alleati danneggerebbe entrambe le economie. E il ministro dell'Economia sa di potersi giocare un jolly: la Germania ha investito molto nella produzione automobilistica statunitense, creando migliaia di posti di lavoro. Le auto tedesche fabbricate negli Stati Uniti - ha spiegato Altmeier - rappresentano gran parte dell'export di auto americane.

La preoccupazione tuttavia cresce. Il presidente degli Stati Uniti ha dichiarato a maggio di valutare l'incremento delle tariffe fino al 25% sulle auto importate dall'Ue. Salvo poi rinviare la decisione finale a novembre. Berlino ha quindi quattro mesi per convincere Trump a desistere.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com