Ecco come la politica dell’Italia in Libia arricchisce (ancora di più) i trafficanti di esseri umani

La nostra scelta di esternalizzare la frontiera e finanziare la Guardia Costiera libica ha ottenuto un unico risultato: i trafficanti prendono soldi sia dai migranti che dai governi europei

Ecco come la politica dell’Italia arricchisce i trafficanti

È il 4 aprile del 2019 quando Antonio Guterres, Segretario generale delle Nazioni Unite, visita Tripoli e un centro di detenzione della capitale libica. Si dichiara ”scioccato” dal livello di sofferenza che ha visto.

“Quello che accade in questi centri non è solo responsabilità della Libia, ma dell’intera comunità internazionale – aveva detto Guterres -. Ed è molto difficile sostenere che lo sbarco in Libia sia uno sbarco in sicurezza”.

Poi, a settembre (2019), le Nazioni Unite pubblicano un rapporto in cui accusano apertamente autorità locali e statali libiche del coinvolgimento nella tratta di esseri umani.

Ma nel febbraio 2020 l’Italia rinnova automaticamente il Memorandum di intesa sottoscritto nel 2017 (dal Ministro dell’Interno Marco Minniti e poi cavalcato anche dal governo gialloverde), il protocollo con cui l’Italia si è impegnata a finanziare i centri libici e a fornire sostegno alle autorità per il contrasto all’immigrazione irregolare.

Nel frattempo la Commissaria dei diritti umani del Consiglio d’Europa, Dunja Mijatovic, in una lettera chiede al ministro degli Esteri Luigi Di Maio di “sospendere le attività di collaborazione con la Guardia costiera libica”. Al tempo stesso è vero che l’Ue, invece di far sì che tutti i 27 paesi si impegnassero sul ricollocamento dei migranti (che di fatto è l’unica soluzione possibile), ha lasciato che paesi come Italia, Grecia, Spagna se la sbrigassero da soli.

Poi il 16 luglio la Camera dei Deputati vota il rifinanziamento della missione in Libia: 410 sì, 23 no, 1 astenuto. Un plebiscito.

E scoppia il caso nel Pd. Nonostante l’Assemblea del partito, lo scorso 25 febbraio avesse espressamente dato parere contrario al rinnovo degli accordi, ha sostenuto in aula, con poche eccezioni, il rifinanziamento.

Si tratta di 58 milioni di euro, di cui 10 alla missione bilaterale di supporto alla Guardia costiera Libica, 3 mln in più dello scorso anno. A conti fatti, dalla firma del Memorandum a oggi, i fondi stanziati dall’Italia per la Guardia costiera libica hanno raggiunto la cifra di 22 mln. Come un bancomat.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Secondo quoted business

Aumentano i fondi italiani alla Guardia costiera libica

Il Parlamento ha dato l’ok alla delibera che autorizza e proroga le missioni militari italiane all’estero. Crescono di mezzo milione di euro i finanziamenti destinati al blocco dei flussi migratori: passati da 10 mln nel 2020 a 10,5 nel 2021. In totale 32,6 mln destinati alla Guardia Costiera libica dal 2017 e salgono a 271 i mln spesi dall’Italia per le missioni nel paese nord africano. Dall’inizio dell’anno oltre 720 vittime lungo la rotta del Mediterraneo centrale, almeno 7.135 dalla firma dell’accordo tra Italia e Libia. [continua ]

Global

Quanti soldi diamo alla Libia per fermare i migranti?

“Le immagini dei bambini morti sulle spiagge della Libia sono inaccettabili”. Si è espresso così Mario Draghi al termine del Consiglio europeo, che mostra tutte le resistenze continentali verso una riforma organica del dossier immigrazione. Entro giugno si arriverà al massimo a un patto intergovernativo che garantisca la suddivisione dei migranti tra alcuni dei Paesi membri. Intanto, dal 2017, l’Italia ha speso in Libia 784,3 mln di euro. Ma la destinazione finale di questi fondi non è nota. [continua ]

Global
quoted business

Draghi in Libia. Obiettivo: una nuova leadership dell’Italia nel paese nordafricano

È la prima all’estero per il presidente del Consiglio.cPer l’Italia tornano così ad aprirsi spiragli economici, diplomatici e sui migranti. Sono questi i tre dossier al centro della missione di Draghi [continua ]

Global
Il paese celebra i 10 anni dall’inizio della rivoluzione contro Gheddafi

La Libia celebra i 10 anni dall’inizio della rivoluzione contro Gheddafi

Global
 La Turchia prende il controllo della Guardia costiera libica
quoted business

La Turchia prende il controllo della Guardia costiera libica

Global
Cessate il fuoco e nuove elezioni a marzo. Il paese è a una svolta?

Cessate il fuoco e nuove elezioni a marzo. La Libia è a una svolta?

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com