Libia: tregua fallita. Macron accusa Erdogan. Ma per Ankara il problema è Haftar

La Francia accusa la Turchia: “Non rispetta la parola data”. Italia preoccupata: “Il flusso di armamenti mina le prospettive di una soluzione pacifica della crisi”. L’ad Eni Claudio De Scalzi contro il blocco del petrolio: “È come togliere ossigeno alle persone”

Tregua fallita. Macron accusa Erdogan

A pochi giorni dalla conferenza di Berlino la tregua in Libia è saltata. E i due fronti, quello del governo di Tripoli di Fayez al Serraj e quello del generale Khalifa Haftar, stanno accumulando armi e mercenari in quantità notevoli.

Due navi da guerra turche sono entrate in porto a Tripoli. Hanno scortato un mercantile che ha scaricato nella capitale libica carri armati, blindati e altri mezzi militari destinati agli uomini di Serraj.

Dall’altra parte Haftar continua a bombardare la periferia Sud di Tripoli (4 bambini sono morti per un razzo caduto nel cortile di una scuola) e a stringere l’assedio sulla città di Misurata.

L’instabilità è salita a tal punto da spingere il presidente francese Emmanuel Macron ad accusare direttamente il suo omologo turco: “Erdogan non mantiene la parola data”.

Anche l’Italia ha inviato un messaggio alla Turchia: il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha telefonato al suo collega Mevlut Cavusoglu per dirgli che “il continuo flusso di armamenti verso entrambe le parti del conflitto e il blocco della produzione petrolifera minano ulteriormente le prospettive di una soluzione pacifica della crisi in Libia”. Di Maio cita anche il blocco del petrolio deciso da Haftar, un vero e proprio “atto di guerra” messo in atto già 2 giorni prima della conferenza di Berlino.

E sul greggio si è espresso con durezza anche l’ad dell’Eni Claudio De Scalzi: “Con il blocco della produzione di petrolio è come togliere aria alle persone. Siamo a 12 giorni di produzione bloccata, ma quello per la Libia è ossigeno”.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com