L’Olanda è diventata un narco-Stato?

L’omicidio di un avvocato, avvenuto in strada ad Amsterdam nei giorni scorsi, ha riacceso i fari sul paese. E i Paesi Bassi si scoprono travolti dai narcos

Sono diventati un narco-Stato?

L’Olanda è diventata un drugsstaat, uno “Stato narco”. A sostenerlo era stato (già lo scorso anno) il principale sindacato di poliziotti olandese che in un documento di una decina di pagine denunciava lo straordinario sviluppo della criminalità legata alla droga, per via del quasi totale disinteresse dei poteri pubblici.

Dopo aver svolto un’indagine al suo interno, ossia interrogando centinaia di poliziotti, il sindacato si dice convinto che la produzione e lo smercio di droga siano tali da far figurare il regno d’Olanda in testa tra i Paesi che traggono maggior profitto non solo dalla cannabis, ma anche dalle droghe sintetiche e dall’importazione di cocaina (che arriva nel porto di Rotterdam).

Poi, mercoledì 18 settembre, un omicidio che fa riesplodere la polemica. Sono le 7.30 di mercoledì mattina quando Amsterdam si risveglia nella Colombia degli anni ‘80. L’avvocato Derk Wiersum saluta i figli, esce di casa, fa pochi passi e cade riverso sul vialetto, colpito da un ragazzino incappucciato.

Il suo lavoro riguardava la difesa di Nabil Bakkali, principale pentito al processo del momento: 5 omicidi tra il 2015 e il 2017; 16 imputati tra cui due latitanti considerati pericolosi. All’annuncio della collaborazione con la giustizia, un anno fa, il fratello di Bakkali era stato assassinato; cionondimeno il ragazzo aveva affidato al legale 1.500 pagine di dichiarazioni contro la gang “Distillato della guerra” per il narcotraffico che dilaga esattamente in questa porzione di Europa.

Che non si tratti soltanto di episodi lo dimostra anche un rapporto di “InSightCrime”, secondo il quale a gennaio i sequestri di cocaina tra i porti di Rotterdam e Anversa sono aumentati di oltre un quarto nell’arco di un anno, fino a raggiungere le 73 tonnellate: segnale di una moltiplicazione degli sbarchi dall’America Latina. La stima è di 200 tonnellate di polvere bianca dal valore di 5 miliardi di euro.

Fonte

Articoli correlati

I farmaci contraffatti rendono più della droga

Africa, i farmaci contraffatti rendono più della droga

Life

L’Olanda rinuncia al doppio nome: ora si chiama solo ‘Paesi Bassi’

Dallo scorso primo gennaio l’Olanda ha cambiato nome: lo Stato dell’Ue sarà promosso nel mondo solamente come ‘Netherlands’, Paesi Bassi in italiano. La decisione del governo era stata anticipata ad ottobre ed è stata accompagnata dalla presentazione del nuovo logo che contiene un tulipano stilizzato fra le lettere N e L, sigla internazionale che sta proprio per Netherlands. [continua ]

Strategie & Regole
Milioni di hamburger da una sola mucca

RSI

Milioni di hamburger da una sola mucca

Life

Nuova operazione per EssilorLuxottica: acquisita l’olandese GrandVision

Il colosso degli occhiali nato dalla fusione della società francese (Essilor) con il gruppo di Agordo (Luxottica) ha messo le mani sulla catena olandese GrandVision. L’azienda dei paesi Bassi è valutata 7,1 miliardi di euro. Il gruppo acquirente pagherà 28 euro per azione, per rilevare la quota in mano al fondo d'investimento HAL che equivale al 77%. A seguito dell'accordo, EssiLux dovrà lanciare un'offerta sul resto delle azioni di GrandVision. [continua ]

Corporate

L’elettrico è già superato? Nasce l’auto a energia solare

Lo ha messo a punto la start-up olandese Lightyear e si chiama “One”: è il prototipo del veicolo elettrico alimentato anche ad energia solare svelato nei giorni scorsi. Sulle sua carrozzeria sono presenti 5 metri quadrati di pannelli solari, che nelle belle giornate forniscono 12 km di autonomia all’ora. Il modello di serie dovrebbe arrivare sul mercato dal 2021. [continua ]

Mobilità
Europee: laburisti primi. Non sfondano i populisti

quoted business

Europee, Olanda: laburisti primi. Non sfondano i populisti

Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com