Dopo l'Fmi, anche l'Ocse potrebbe tagliare a marzo le stime sul Pil dell'Italia

Anche l'Ocse, dopo l'Fmi, potrebbe tagliare a marzo le stime sul Pil
Angel Gurria, segretario generale Ocse dal 2006

Le nuove stime dell'Ocse, a marzo, potrebbero tagliare il dato sulla crescita per l'Italia. Lo ha confermato Angel Gurrìa, segretario generale dell'Organizzazione con sede a Parigi, a margine dei lavori del Forum economico mondiale di Davos (Svizzera). Alla domanda se sia in arrivo una riduzione del Pil italiano per il 2019 anche da parte dell'Ocse, dopo che la revisione dell'Fmi (dall'1% allo 0,6%), Gurria ha risposto: "Sì, può essere".

Le ultime previsioni sulla crescita dell'Italia, a novembre 2018, indicavano lo 0,9% per il 2019 (il tasso più basso per i 30 Paesi membri dell'Ocse ad eccezione di Turchia e Argentina) ed erano già state riviste al ribasso dall'1,1% di appena due mesi prima.

Gurrìa ha, tuttavia, provato a sdrammatizzare la polemica sulle scelte dell'attuale esecutivo giallo-verde e sull'osservazione, avanzata ieri dall'Fmi, che l'Italia sia uno dei rischi per lo scenario di crescita globale assieme a Brexit, guerra dei dazi e Cina. Normalmente "i nuovi governi vogliono fare tutto nei primi tre giorni: è legittimo ma non è possibile, serve visione di medio termine. In ogni caso credo che le autorità italiane abbiano ben chiaro che serve un equilibrio fra la crescita, programmi sociali e debito."

Articoli correlati

Industria, brusco calo di ordini e fatturato a dicembre

Italia, brusco calo di ordini e fatturato dell'industria a dicembre

Economia

Tav, Commissione europea: “Che l’opera sia completata. L'Italia rispetti l'accordo"

Sul Tav la Commissione europea "si aspetta che il progetto sia concluso secondo l'accordo". Lo ha detto Enrico Brivio, portavoce della Commissione, dopo l'incontro tecnico di ieri tra i funzionari del governo italiano e quelli della commissione. "La nostra posizione sulla Torino-Lione rimane la stessa. È un importante progetto transeuropeo", ha spiegato Brivio. Che ha, poi, ricordato di non poter escludere una richiesta al governo di rimborsare i fondi già versati per il Tav. [continua ]

Economia
Il peggior dato dal 2012: scende del 5,5% la produzione industriale

Il peggior dato dal 2012: scende del 5,5% la produzione industriale in Italia

Economia

Italia, Bruxelles taglia le stime sul Pil allo 0,2%

La Commissione Europea ha reso noto che la nuova stima sul Pil dell’Italia per il 2019 è pari allo 0,2%. Le previsioni precedenti (novembre 2018) indicavano l’1,2%, mentre quelle del 7 febbraio includono gli effetti della manovra varata a dicembre dal governo giallo-verde, che indica nella legge di Bilancio una crescita dell’1%. Tuttavia, gli ultimi due trimestri del 2018 (rispettivamente -0,1% e -0,2%) hanno fatto entrare il paese in recessione. [continua ]

Economia
Il paese è in recessione

L'Italia è in recessione

Economia

Si avvicina per l'Italia il rischio di una manovra bis?

Per tornare ai livelli 2007 - l'anno precedente l'avvio della crisi - l'Italia deve ancora recuperare 4,2 punti percentuali di Pil e 19,2 sugli investimenti. Procedendo così, per rivedere i livelli pre-crisi bisognerà aspettare il 2024. È la stima della Cgia di Mestre che prevede per il prossimo anno un incremento del Pil attorno allo 0,8% ed evidenzia anche il rischio di una manovra bis da parte del Governo Conte. [continua ]

Economia

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com