Italia, leggero aumento del Pil (+0,1%). Ma l’occupazione scende

Istat: “Confermato quadro di sostanziale stagnazione”. Torna a salire la disoccupazione. Da luglio a settembre persi 60 mila occupati

Leggero aumento del Pil (+0,1%). Ma l’occupazione scende

Nel terzo trimestre del 2019 la stima sul Pil sia aumentato dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e dello 0,3% in termini tendenziali. Occorre precisare che il terzo trimestre di quest'anno ha avuto due giornate lavorative in più rispetto a quello precedente e in relazione allo stesso periodo del 2018.

La variazione congiunturale è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nel comparto dell’agricoltura, silvicoltura e pesca, e di lievi aumenti sia in quello dell’industria, sia in quello dei servizi. Dal lato della domanda, è stato rilevato un contributo positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e un apporto negativo della componente estera netta.

Intanto torna a salire la disoccupazione. A crescere sono stati soltanto i posti a termine. Tra luglio e settembre persi 60 mila occupati.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com