ArcelorMittal: 3 settimane per trattare

Rinviata l’udienza a Milano: si torna in aula il 20 dicembre

ArcelorMittal: 3 settimane per trattare

Dopo le indicazioni positive giunte dal vertice di Palazzo Chigi dei giorni scorsi, dal Tribunale di Milano arriva l'ufficialità che ArcelorMittal e governo stanno muovendo passi concreti per sbloccare la situazione dell'ex-Ilva. Sono state trovate le basi per una trattativa che possa arrivare a un accordo per mantenere la produttività all’ex-Ilva. Motivo per il quale l’udienza della causa civile a Milano è stata rinviata al 20 dicembre.

Lo ha deciso il giudice Claudio Marangoni nel procedimento sul ricorso d’urgenza dei commissari Ilva contro l’addio di ArcelorMittal. Presenti come parti la Procura milanese, la Regione Puglia e il Comune di Taranto.

L’avvocato penalista di ArcelorMittal Daniele Ripamonti ha detto che la trattativa “è già in corso”. “Ci sono le basi per una trattativa che possa arrivare a un accordo”, per gli avvocati Enrico Castellani, legale dei commissari Ilva, e Ferdinando Emanuele, legale di ArcelorMittal. Nel frattempo, l’amministratore delegato Lucia Morselli “ha garantito il normale funzionamento degli impianti e la continuità produttiva fino al 20 dicembre”.

Ieri del caso aveva parlato il ministro Stefano Patuanelli, per il quale il governo non lavorerà a un accordo “al ribasso” e con ogni probabilità prevederà l’intervento pubblico, quasi certamente attraverso Invitalia (controllata al 100% dal Mef). Il Ministro si era anche spinto a evocare la possibilità di una ricostituzione dell'Iri come timone della politica industriale.

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com