Italia, investimenti esteri: penultimi nell’Ue. Multinazionali in fuga?

Nel 2018 gli investimenti diretti esteri nel nostro Paese sono stati pari al 20,5% del Pil. Nell’Ue fa peggio solo la Grecia. E non sono poche le big company straniere che quest’anno sono state al centro della cronaca: ArcelorMittal, Bekaert, Bosch, ex-Embraco, Unilever e Whirlpool

Investimenti esteri: penultimi nell’Ue

Non siamo un Paese attrattivo per gli operatori stranieri. Nel 2018 gli investimenti diretti esteri (Ide) sono stati pari al 20,5% del Pil, 361 miliardi di euro circa. L'Italia si colloca al penultimo posto nell’Ue. Fa peggio solo la Grecia.

A lanciare l’allarme è la Cgia di Mestre, secondo cui a pesare sulle scelte degli investitori stranieri sono in particolare l’elevata tassazione, una burocrazia asfissiante e poca certezza del diritto.

E, in effetti, non sono poche le big company straniere che quest’anno sono state al centro della cronaca: ArcelorMittal (Taranto), Bekaert (Incisa Valdarno – Fi), Bosch (Bari), ex-Embraco (Riva di Chieri – To), Unilever (Verona) e Whirlpool (Napoli).

Secondo gli ultimi dati Istat disponibili (anno 2017), le multinazionali (ovvero le imprese a controllo estero residenti in Italia) sfiorano le 15 mila unità, danno lavoro a poco più di 1.350.000 addetti e producono 572,3 mld di fatturato l’anno.

“Sebbene siano sempre più diffuse nel settore dei servizi e meno nel comparto industriale – spiega il segretario della CGIA Renato Mason – le multinazionali estere sono comunque una componente importante della nostra economia, soprattutto nei settori ad alto valore aggiunto. Ricordo, inoltre, che queste realtà danno lavoro direttamente al 6% circa degli occupati registrati in Italia e concorrono a produrre poco più del 17% del fatturato nazionale”.

Fonte

Articoli correlati

quoted business

Il Tribunale di Taranto spegne l’altoforno 2

Il Tribunale di Taranto ha rigettato la richiesta di proroga presentata dai commissari dell’Ilva sull’uso dell'Altoforno 2, sequestrato e dissequestrato più volte nell’inchiesta sulla morte dell’operaio Alessandro Morricella. Significa che scatta il possibile inizio delle operazioni di fermata degli impianti dal 13 dicembre. Ma c'è un’ultima possibilità: fare ricorso al Tribunale del riesame. [continua ]

Economia

quoted business

ArcelorMittal offre 1 mld per lasciare Taranto

ArcelorMittal avrebbe proposto al governo la risoluzione definitiva di ogni rapporto sulla vicenda ex-Ilva mettendo sul piatto il pagamento di 1 miliardo di euro per lasciare gli impianti di Taranto entro aprile 2020. Lo scrivono alcuni media, tra i quali La Gazzetta del Mezzogiorno, che parlano di una lettera che sarebbe stata inviata dalla multinazionale al Mise. [continua ]

Economia
Aspettando l’uomo solo al comando

Aspettando l’uomo solo al comando

Economia
Il reddito delle famiglie cresce, ma la disuguaglianza non si riduce

Il reddito delle famiglie cresce, ma la disuguaglianza non si riduce

Economia
Frena il Pil 2019. Ma risale lievemente nel 2020

Frena il Pil 2019. Ma risale lievemente nel 2020

Economia

quoted business

ArcelorMittal: 3 settimane per trattare

Dopo le indicazioni positive giunte dal vertice di Palazzo Chigi dei giorni scorsi, dal Tribunale di Milano arriva l'ufficialità che ArcelorMittal e governo stanno muovendo passi concreti per sbloccare la situazione dell'ex-Ilva. Sono state trovate le basi per una trattativa che possa arrivare a un accordo per mantenere la produttività all’ex-Ilva. Motivo per il quale l’udienza della causa civile a Milano è stata rinviata al 20 dicembre. [continua ]

Economia

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com