ArcelorMittal offre 1 mld per lasciare Taranto

Ma il totale (1 mld) non corrisponderebbe alle richieste del governo, che pretenderebbe dalla multinazionale altri 850 milioni: le mancate manutenzioni per 350 milioni e la penale per la risoluzione anticipata del contratto (altri 500 milioni).

ArcelorMittal offre 1 mld per lasciare Taranto

ArcelorMittal avrebbe proposto al governo la risoluzione definitiva di ogni rapporto sulla vicenda ex-Ilva mettendo sul piatto il pagamento di 1 miliardo di euro per lasciare gli impianti di Taranto entro aprile 2020. Lo scrivono alcuni media, tra i quali La Gazzetta del Mezzogiorno, che parlano di una lettera che sarebbe stata inviata dalla multinazionale al Mise.

Alla cifra ArcelorMittal arriverebbe mettendo assieme i 500 milioni per lo svuotamento del magazzino (su questo punto la Procura di Taranto ipotizza l’appropriazione indebita), la fideiussione di 90 mln intestata a favore dell’Ilva a garanzia del pagamento dei canoni di fitto (15 mln al mese), la rinuncia agli investimenti ambientali finora sostenuti (altri 400 mln).

Ma il totale (1 mld) non corrisponderebbe alle richieste del governo, che pretenderebbe dalla multinazionale altri 850 mln: le mancate manutenzioni per 350 mln e la penale per la risoluzione anticipata del contratto (altri 500 mln).  

ll ministero dello Sviluppo economico, tuttavia, smentisce di aver ricevuta una lettera dal colosso franco-indiano.

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com