ArcelorMittal offre 1 mld per lasciare Taranto

Ma il totale (1 mld) non corrisponderebbe alle richieste del governo, che pretenderebbe dalla multinazionale altri 850 milioni: le mancate manutenzioni per 350 milioni e la penale per la risoluzione anticipata del contratto (altri 500 milioni).

ArcelorMittal offre 1 mld per lasciare Taranto

ArcelorMittal avrebbe proposto al governo la risoluzione definitiva di ogni rapporto sulla vicenda ex-Ilva mettendo sul piatto il pagamento di 1 miliardo di euro per lasciare gli impianti di Taranto entro aprile 2020. Lo scrivono alcuni media, tra i quali La Gazzetta del Mezzogiorno, che parlano di una lettera che sarebbe stata inviata dalla multinazionale al Mise.

Alla cifra ArcelorMittal arriverebbe mettendo assieme i 500 milioni per lo svuotamento del magazzino (su questo punto la Procura di Taranto ipotizza l’appropriazione indebita), la fideiussione di 90 mln intestata a favore dell’Ilva a garanzia del pagamento dei canoni di fitto (15 mln al mese), la rinuncia agli investimenti ambientali finora sostenuti (altri 400 mln).

Ma il totale (1 mld) non corrisponderebbe alle richieste del governo, che pretenderebbe dalla multinazionale altri 850 mln: le mancate manutenzioni per 350 mln e la penale per la risoluzione anticipata del contratto (altri 500 mln).  

ll ministero dello Sviluppo economico, tuttavia, smentisce di aver ricevuta una lettera dal colosso franco-indiano.

Articoli correlati

“Stop alle emissioni anomale entro 30 gg o chiudo ArcelorMittal”

Il sindaco di Taranto: “Stop alle emissioni anomale entro 30 gg o chiudo ArcelorMittal”

Planet
ArcelorMittal lascia Taranto per salvare il bilancio

quoted business

ArcelorMittal lascia Taranto per salvare il bilancio

Corporate
Ex Ilva, ArcelorMittal lascia Taranto: a rischio oltre 10 mila posti

quoted business

Ex Ilva, ArcelorMittal lascia Taranto: a rischio oltre 10 mila posti

Corporate

quoted business

ArcelorMittal: "La crisi è grave. Cassa integrazione a Taranto per 1400 lavoratori"

Il 6 maggio scorso ArcelorMittal aveva manifestato l'intenzione di tagliare temporaneamente la produzione di acciaio in Europa con una riduzione di 3 milioni di tonnellate annue. Nello specifico era stata annunciata la sospensione della produzione degli stabilimenti di Cracovia in Polonia, la riduzione nelle Asturie in Spagna e il blocco dell'aumento della produzione dell'ex Ilva di Taranto che ArcelorMittal Italia contava di portare a 6 milioni di tonnellate nel 2020. [continua ]

Corporate

quoted business

Il Tribunale di Taranto spegne l’altoforno 2

Il Tribunale di Taranto ha rigettato la richiesta di proroga presentata dai commissari dell’Ilva sull’uso dell'Altoforno 2, sequestrato e dissequestrato più volte nell’inchiesta sulla morte dell’operaio Alessandro Morricella. Significa che scatta il possibile inizio delle operazioni di fermata degli impianti dal 13 dicembre. Ma c'è un’ultima possibilità: fare ricorso al Tribunale del riesame. [continua ]

Economia

quoted business

ArcelorMittal: 3 settimane per trattare

Dopo le indicazioni positive giunte dal vertice di Palazzo Chigi dei giorni scorsi, dal Tribunale di Milano arriva l'ufficialità che ArcelorMittal e governo stanno muovendo passi concreti per sbloccare la situazione dell'ex-Ilva. Sono state trovate le basi per una trattativa che possa arrivare a un accordo per mantenere la produttività all’ex-Ilva. Motivo per il quale l’udienza della causa civile a Milano è stata rinviata al 20 dicembre. [continua ]

Economia

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com