400 nomine in 75 partecipate: da Eni a Poste e Mps, tutte le poltrone da spartirsi in poche settimane

Pubblicata dal ministero dell'Economia la lista di tutte le partecipate e le controllate coinvolte

400 nomine in 75 partecipate: tutte le poltrone da spartirsi

Consigli di amministrazione e collegi sindacali, supervisory board o amministratori unici: sono 75 le società, controllate o partecipate dallo Stato, che vedranno scadere nel 2020 i propri vertici. Che, dunque, debbono essere rinnovati.

La grande corsa agli incarichi è partita ufficialmente con la pubblicazione, sul sito del ministero dell’Economia, della lista delle società coinvolte.

Da Poste a Eni, da Enel a Mps, da Terna e Leonardo sono molte le società per le quali, in base ad una direttiva del 2017, il ministero dell’Economia ha avviato l’iter di selezione, avvalendosi di società specializzate per l’individuazione dei top manager.

Le disposizioni prevedono eccezioni alla procedura per le società quotate e anche il coinvolgimento delle ‘capogruppo’ nell’istruttoria delle nomine per le società controllate indirettamente: di quest’ultime ce ne sono 35 che fanno capo alle Ferrovie, 12 a Cdp, 2 a Invitalia e Rai, 3 a Gse.

Fonte

Articoli correlati

quoted business

Giochi fatti per le nomine del Tesoro: confermati gli ad di Eni, Enel, Leonardo, e Poste

Le ultime ore di un negoziato durato tre mesi, e duro fino alla fine, non sembrano aver cambiato la sostanza delle cose sul dossier nomine delle grandi partecipate del Tesoro. Ecco la lista dei 14 top manager (si attende a breve la conferma del governo) destinati ai vertici delle sette maggiori aziende in questione: Enel, Eni, Leonardo, Poste Italiane, Terna, Mps, ed Enav. [continua ]

Economia
Conte: “Vogliamo prevenire la disoccupazione”

quoted business

Conte: “Vogliamo prevenire la disoccupazione”

Jobs & Skills
Renzi: “Non abbiamo negato i pieni poteri a Salvini per darli ad altri”

quoted business

Renzi a Conte: “Non abbiamo negato i pieni poteri a Salvini per darli a qualcun’altro”

Strategie & Regole
Cina, Mattarella: “Servono investimenti in infrastrutture sostenibili”

Cina, Mattarella: “Servono investimenti in infrastrutture sostenibili”

Economia

Bottiglia di pomodoro, il contenitore costa più del contenuto

Quando si acquista una passata al supermercato si paga più per la bottiglia che per il pomodoro contenuto. È quanto emerge da una analisi condotta da Coldiretti. In una bottiglia di passata di pomodoro da 0,7 litri in vendita mediamente a 1 euro la metà del valore (45%) è il margine della distribuzione commerciale, il 20% è assorbito dai costi di produzione industriali, un altro 20% da quelli della bottiglia con gli imballaggi, il 10% è il valore riconosciuto al pomodoro, e il 5% ai trasporti. [continua ]

Jobs & Skills

Mps

‘Derisking’, Mps cede crediti deteriorati per 1,8 mld

Il gruppo Mps prosegue il suo percorso di derisking e conclude ulteriori 3 operazioni di cessione di crediti deteriorati per un importo totale di circa 1,8 miliardi di euro. Gli accordi si sommano ai precedenti conclusi nel corso del 2019 e portano a circa 3,8 miliardi di euro i non-perfoming exposures (Npe) complessivamente ceduti dal gruppo nel corso dell'anno. [continua ]

Moneta & Mercati

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com