Il piano del governo sale a 25 mld. Deficit/Pil oltre il 3%?

Gualtieri: “La metà delle risorse verrà impiegata subito, l’altra metà andrà a supporto degli interventi da definire. Chiediamo l’autorizzazione al Parlamento per utilizzare fino alla cifra di 25 mld. Poi il livello di deficit verrà definito in un secondo momento”

Il piano del governo sale a 25 mld. Deficit/Pil oltre il 3%?

Lievita il piano italiano di risposta all’emergenza coronavirus. Il consiglio dei Ministri ha portato a 25 miliardi di euro lo stanziamento per far fronte alla situazione straordinaria che sta vivendo il Paese, in termini di saldo netto da finanziare, che diventano 20 mld in termini di indebitamento netto: si tratta dell’1,1% del Pil italiano. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, lo ha annunciato in conferenza stampa insieme al ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, e alla ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo.

“Abbiamo stanziato una somma straordinaria 25 mld da utilizzare per poter fare fronte a tutte le difficoltà di questa emergenza”, ha spiegato Conte. Gualtieri ha poi precisato che la metà delle risorse verrà impiegata subito, l’altra metà andrà a supporto degli interventi da definire. “Chiediamo l’autorizzazione al Parlamento per utilizzare fino alla cifra di 25 mld - ha spiegato -. Poi il livello di deficit verrà definito in un secondo momento”.

L’asticella del deficit per il momento era stata portata nei giorni scorsi dall’attuale 2,2% del Pil al 2,5: la Commissione di Bruxelles aveva risposto subito sì, sia per il clima generale sia perché si tratta di una circostanza di carattere così straordinario che le regole prevedono di non contabilizzare sul deficit strutturale tutte le spese per fronteggiare il virus. Ma alla luce dell’ultimo stanziamento del governo (25 mld) il rapport deficit/Pil potrebbe andare oltre il 3%.

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com