Conte: “Si riparte il 4 maggio”

In realtà si tratta di una mini-ripartenza. Resterà l’obbligo dell'autocertificazione per gli spostamenti, ma sarà diversa. Mascherine obbligatorie ma solo nei luoghi chiusi. Ripartono il 27 aprile manufatturiero e cantieristica

Conte: “Si riparte il 4 maggio”

Ok agli incontri con i familiari più stretti (anche anziani, ma indossando la mascherina e senza assembramenti). Ok alla ripresa delle attività motorie a distanza e anche alla possibilità di rientro nel luogo di domicilio o residenza di chi è rimasto bloccato dal lockdown nelle città in cui studia o lavora. Resta però l’autocertificazione, anche se sarà diversa e con più possibilità. La riapertura dei negozi è prevista per il 18. Bar e ristoranti dal primo giugno.

Sono le prime libertà che gli italiani riacquistano dal 4 maggio, anche se in realtà si tratta di una mini-ripartenza.

Per quanto riguarda le attività produttive, si comincia il 27 aprile con le aziende ritenute strategiche, dai cantieri dell’edilizia pubblica al manufatturiero per l’export con richieste di autorizzazione in deroga ai prefetti. Dal 4 tutte le altre attività.

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com