Sale il pressing su Fca. Gualtieri: “Chiesti impegni”

Non si placa la bufera politica sul prestito da 6,3 miliardi di euro a Fca con le garanzie pubbliche

Pressing su Fca. Gualtieri: “Chiesti impegni”
Roberto Gualtieri

“Condizioni aggiuntive e stringenti sugli investimenti, l’occupazione e il mantenimento della produzione in Italia”. È quanto ha detto il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri assicurando che lo Stato ha chiesto impegni precisi a Fca.

Mentre non si placa la bufera politica sul prestito da 6,3 miliardi di euro con le garanzie pubbliche chiesto dalla società, il ministro per il Sud Giuseppe Provenzano spiega che “il Governo ha previsto nei vari decreti alcune condizionalità: avere sede legale in Italia, non distribuire i dividendi, impegnarsi a orientare quei finanziamenti a tutelare occupazione e capacità produttiva nel nostro Paese.”

“Fca oggi – rileva Provenzano - non è (più) un campione industriale italiano ma una multinazionale con investimenti in tutto il mondo, sede legale a Londra e fiscale in Olanda.”

Fonte

Articoli correlati

Fca si è impegnata a 5 mld di investimenti ‘domestici’

quoted business

Fca si è impegnata a 5 mld di investimenti in Italia

Economia
Gualtieri: “Con il prestito a Fca lo Stato ci guadagna”

Agi

Gualtieri: “Con il prestito a Fca lo Stato ci guadagna”

Economia

Fca chiederà allo Stato un prestito da 6,3 mld

Fca punta ad ottenere un prestito dallo Stato di 6,3 miliardi di euro. Il Gruppo automobilistico sarebbe in trattative per ottenere questa linea di credito in particolare con il principale finanziatore Intesa Sanpaolo. Secondo i termini dell’operazione, la Sace fornirebbe una garanzia pubblica per l’80% dell'importo. Mancherebbe a quel punto solo il decreto del ministero delle Finanze. [continua ]

Economia
Uno storico all’Economia. Chi è Roberto Gualtieri

quoted business

Uno storico all’Economia. Chi è Roberto Gualtieri

Economia

FCA sotto indagine per le emissioni

La GdF ha condotto delle perquisizioni negli uffici del Gruppo FCA nell’ambito di un’indagine della Procura di Torino collegata a un'analoga inchiesta delle autorità giudiziarie tedesche. L’ipotesi investigativa è legata alla possibilità che su alcuni modelli siano stati installati dispositivi di controllo del motore non conformi alla regolamentazione europea: in condizioni reali di guida le emissioni inquinanti sarebbero superiori a quelle rilevate in sede di omologazione. [continua ]

Corporate

Agi

Tunnel o ponte? Legambiente: “Resta comunque una cattedrale nel deserto”

“Il governo Conte punta sul tunnel mentre i governi Berlusconi puntavano sul ponte ma (per quanto riguarda lo Stretto di Messina, ndr) nulla cambia: il problema è sempre uguale. Una volta che arrivi a Messina o a Reggio Calabria ti muovi nello stesso paese che c’era tra gli anni ‘60 e ‘70. Questo Paese, più che di parole, ha bisogno di grande concretezza. È un Paese che non vuole più essere preso per i fondelli”. [continua ]

Economia

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com