Conte: “Un nuovo inizio per ridisegnare l’Italia”

Il premier: “Sul Mes non ho cambiato idea. E sul Recovery plan è in gioco la credibilità del sistema Italia”

Conte: “Un nuovo inizio per ridisegnare il Paese”

“Ora un nuovo inizio. Dobbiamo ridisegnare l’Italia. È un’occasione storica per rinnovare il Paese dalle fondamenta”. Si è espresso così il premier Giuseppe Conte.

Riforma fiscale

“Serve una seria riforma fiscale. Bisogna rimettere mano al fisco. L’ultima riforma è di cinquanta anni fa: serve una reale progressività coniugando lotta al sommerso per restituire risorse a tutti i contribuenti. Sicuramente ci metteremo nella condizione di fare pagare tutti e tutti meno”.

Fiscalità di vantaggio

“Stiamo lavorando con il ministro Provenzano ad una fiscalità di vantaggio per il Sud”.

Presidente di Confidustria: il governo fa più danni del virus

“Un’espressione infelice che rimandiamo al mittente”.

Revoca ad Autostrade

“C’è una procedura di revoca. Ci sono tutte le condizioni per procedere. Le prospettive di transazione in atto non sono compatibili con l’interesse del Paese.”

Mes

Il Mes? “Quando avremo tutti i regolamenti li studierò e li porterò alla valutazione del Parlamento. Io sono coerente, non ho cambiato idea”.

I fondi europei: un tesoretto?

“La somma che ci mette a disposizione l’Europa non può essere considerata un tesoretto (per il governo di turno, ndr) ma una risorsa messa a disposizione dall’intero Paese. Serve un progetto lungimirante. Convocherò a palazzo Chigi tutti i principali attori del sistema produttivo”.

Recovery Plan

“Sul Recovery plan è in gioco la credibilità del sistema Italia”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com