Lavori pubblici, resta inutilizzato un ‘tesoretto’ da 200 miliardi (già stanziati)

Da settimane ferve la trattativa per ottenere da Bruxelles più fondi e alle migliori condizioni possibili, ma negli ultimi 20 anni soltanto l’11 % delle opere pubbliche finanziate è stato ultimato. Fino al paradosso che non si riescono a spendere i miliardi disponibili

Lavori pubblici, resta inutilizzato un ‘tesoretto’ da 200 mld già stanziati
Il nuovo ponte di Genova

I dati del Rapporto annuale sulle infrastrutture strategiche e prioritarie (www.camera.it) attestano che i lavori pubblici potrebbero costituire uno dei settori trainanti della crescita economica: il fabbisogno di infrastrutture strategiche ammonta a 273 miliardi di euro, di cui 219 per opere prioritarie, e risulta assistito da una copertura finanziaria pari a 199 miliardi (73% del costo complessivo), di cui 155 di contributo pubblico e 44 di risorse private.

Queste potenzialità, però, vengono sfruttate in minima parte, dato che soltanto l’11% dei lavori finanziati è stato ultimato, la metà risulta in fase di progettazione, il 21% è in corso e il 5% della spesa con copertura finanziaria riguarda lavori aggiudicati ma non avviati.

Secondo i rapporti del nucleo di valutazione dell’Agenzia per la coesione territoriale, infatti, per realizzare opere, anche piccolissime, sotto i 100 mila euro, servono in media due anni e tre mesi, mentre per le grandi opere si arriva a circa 15 anni e 8 mesi.

Oltre la metà della durata dei lavori (il 54,3%) è dovuta ai cosiddetti “tempi di attraversamento”, tempi morti tra la fine di un procedimento e l’inizio di quello successivo.

Eppure il Ponte di Genova - il 22 giugno la prima automobile ha attraversato la nuova infrastruttura costruita in tempi rapidi – dimostra che le grandi opere sono realizzabili (in tempi e costi accettabili). Ma non bisogna cadere nella tentazione di scambiare la cosiddetta ‘sburocratizzazione’ con la cancellazione di controlli rigorosi nell’assegnazione degli appalti nel monitoraggio dell’esecuzione dei lavori.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com