Conte: “Sul Mes c’è un’attenzione morbosa”

Favorevoli al Mes sono Pd, Italia Viva, ma anche Forza Italia. Contrario il M5s. Dubbi all’interno di Leu. Verso una maggioranza a geometria variabile?

Conte: “Sul Mes c’è un’attenzione morbosa”

Il presidente del Consiglio definisce “morbosa” l’attenzione dei media sul tema invitando, piuttosto, a studiare il Recovery Fund. “Valuteremo insieme la situazione, ma non mi chiedete ogni giorno del Mes”, ha aggiunto Conte.

Al ‘partito pro Mes’ interno alla maggioranza sono iscritti democratici e renziani, mentre si registrano dubbi all’interno di Leu. Fermamente contrario il M5s.

Il segretario del Pd non sembra intenzionato a fare passi indietro rispetto alla necessità di accedere a 37 miliardi con la sola condizionalità di essere utilizzati per la sanità. E Matteo Renzi lancia una frecciatina: “I 37 miliardi del Mes hanno una condizionalità inferiore ai prestiti del Recovery Fund”.

A questo punto ciò che potrebbe venirsi a determinare nelle Aule parlamentari sul Mes è una maggioranza alternativa, visto che anche Forza Italia è convinta dell’opportunità offerta dallo strumento europeo. “Quelli del Mes sono soldi che possono essere utilizzati direttamente o indirettamente per la sanità: ritengo anche per la scuola, perché significherebbe garantire la salute. Quei soldi sono disponibili dal primo giugno e mi stupisce che il governo non li abbia chiesti”, spiega Antonio Tajani.

A stigmatizzare l’ipotesi di una maggioranza diversa da quella che sostiene il governo è Stefano Fassina di Leu: “Con la martellante richiesta di accedere al Mes il Pd vuole ridefinire, con il concorso di Forza Italia, la maggioranza a sostegno del Governo Conte? Sarebbe un grave errore sul piano economico e politico”.

Fonte

Articoli correlati

Agi

Tunnel o ponte? Legambiente: “Resta comunque una cattedrale nel deserto”

“Il governo Conte punta sul tunnel mentre i governi Berlusconi puntavano sul ponte ma (per quanto riguarda lo Stretto di Messina, ndr) nulla cambia: il problema è sempre uguale. Una volta che arrivi a Messina o a Reggio Calabria ti muovi nello stesso paese che c’era tra gli anni ‘60 e ‘70. Questo Paese, più che di parole, ha bisogno di grande concretezza. È un Paese che non vuole più essere preso per i fondelli”. [continua ]

Economia
Stretto di Messina, Conte: “Penso a un tunnel sottomarino”

quoted business

Stretto di Messina, Conte: “Penso a un tunnel sottomarino”

Economia
Ecco cosa prevede il ‘dl agosto’. Conte: “Misure che valgono 100 mld”

quoted business

Ecco cosa prevede il ‘dl agosto’. Conte: “Misure che valgono 100 mld”

Economia
‘Decreto agosto’: sciolto il nodo sui licenziamenti

‘Decreto agosto’: sciolto il nodo sui licenziamenti

Economia

quoted business

Uno sconto per chi paga con la carta. Obiettivo: spingere i consumi e tracciare il ‘nero’

Un bonus da 2 mld per spingere i consumi di bar e ristoranti, e anche per abbigliamento ed elettrodomestici, per dare forza al rimbalzo dell’economia. La misura varrebbe da agosto a dicembre. Sarebbe questo il quarto pilastro del decreto da 25 miliardi, che include atri tre capitoli: lavoro (cassa integrazione selettiva e decontribuzioni per le assunzioni), fisco (blocco fino a novembre dell’invio delle cartelle esattoriali e rateizzazione tasse sospese), interventi per enti locali e scuola. [continua ]

Economia

quoted business

Il Pil italiano crolla del 12,4% nel 2° trimestre

Il Pil italiano del secondo trimestre ha subito un duro contraccolpo. Ma il dato è meno pesante di quel che si aspettavano alcuni analisti e di quanto visto in alcuni vicini Paesi europei. Il reddito nazionale ha fatto registrare nel periodo aprile-giugno il valore più basso dal primo trimestre 1995 (periodo di inizio dell'attuale serie storica): la diminuzione è pari al 12,4% rispetto al primo trimestre, e del 17,3% in relazione allo stesso periodo del 2019. [continua ]

Economia

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com