Uno sconto per chi paga con la carta. Obiettivo: spingere i consumi e tracciare il ‘nero’

Il governo si accinge a stanziare 2 miliardi per spese al ristorante e al bar. Misure anche per abbigliamento ed elettrodomestici

Uno sconto per chi paga con la carta

Un bonus da 2 mld per spingere i consumi di bar e ristoranti, e anche per abbigliamento ed elettrodomestici, per dare forza al rimbalzo dell’economia. La misura varrebbe da agosto a dicembre. Sarebbe questo il quarto pilastro del decreto da 25 miliardi, che include atri tre capitoli: lavoro (cassa integrazione selettiva e decontribuzioni per le assunzioni), fisco (blocco fino a novembre dell’invio delle cartelle esattoriali e rateizzazione tasse sospese), interventi per enti locali e scuola.

Il meccanismo del bonus-consumi, che intende incentivare gli acquisti all’utilizzo di carte di credito e bancomat ritenute utili per favorire la tracciabilità e la lotta all’economia sommersa, potrebbe prevedere un rimborso di parte della spesa sostenuta, con un tetto massimo, da accreditare direttamente al consumatore-contribuente nel proprio conto o nel cassetto fiscale.

Al rilancio dei consumi dovrebbe contribuire anche la nuova rottamazione auto (che sarà portata da 50 a circa 500 milioni) e le misure sul bonus ecologico per la ristrutturazione delle abitazioni. 

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com